Tirapugni e bottiglie in autobus tifosi del Perugia

Tirapugni e bottiglie in autobus tifosi del Perugia

Dopo Cagliari, dopo una settimana di polemiche sugli ultras, ecco da Perugia un nuovo episodio: un tirapugni in ferro insieme a decine di bottiglie di vetro sono stati sequestrati dalle forze di polizia all’interno di uno degli autobus con cui i tifosi del Perugia hanno raggiunto Terni per seguire il derby con la Ternana. Partita (finita 0-0) che si è giocata senza problemi per ordine pubblico. Circa 400 gli appartenenti a polizia, carabinieri, guardia di finanza, forestale e penitenziaria impegnati nel dispositivo di sicurezza messo a punto per evitare contatti tra le due tifoserie. Servizi info-investigativi svolti in coordinamento con la Direzione centrale della polizia di prevenzione e con le squadre tifoserie delle digos di alcune città italiane. A Terni, per dare man forte al tifo locale, sono giunti sostenitori di altre squadre (150 dell’Atalanta da Bergamo). In mattinata un ventiduenne ternano incensurato era stato arrestato perché trovato in possesso di materiale esplodente e mazze di piccone, oltre a passamontagna, berretti e felpe con cappuccio, mentre altri tre giovani del posto sono stati denunciati a piede libero perché avevano artifici pirotecnici e un grande martello. Al termine dell’incontro, il questore di Terni, Carmine Belfiore, ha espresso a tutto il personale “gratitudine per l’alto senso del dovere, per la professionalità, la serietà e l’impegno profusi, per garantire l’ordine e la sicurezza pubblica durante tutta la manifestazione”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy