Trofeo Bernabeu, il Milan asfalta il Real Madrid: finisce 4-2

Trofeo Bernabeu, il Milan asfalta il Real Madrid: finisce 4-2

Netto 4-2 del Milan sul Real per il Trofeo Bernabeu. Rossoneri in vantaggio al 24′ con Menez che sfrutta l’indecisione difensiva di Nacho. La squadra di Inzaghi raddoppia subito con El Shaarawy. Passano 3 minuti e Ronaldo batte Diego Lopez in contropiede. Al rientro delle squadre in campo, El Shaarawy supera anche Casillas e chiude il match. A segno pure Pazzini, ancora a secco quest’anno. Nel finale Benzema accorcia le distanze su rigore.

LA PARTITA

Pippo Inzaghi non fa sconti al maestro Ancelotti e si aggiudica la super-sfida tra due delle formazioni più vincenti nella storia del calcio. Il Milan batte 4-2 il Real Madrid e conquista il Trofeo Bernabeu (inizialmente Dubai Challenge Cup, poi modificato su richiesta dei madrileni) al The Sevens Stadium di Dubai di fronte a una folla di oltre 40.000 spettatori. Il risultato rispetta i reali valori visti in campo: i rossoneri, sin dal calcio d’inizio, si sono dimostrati più propositivi dei Galacticos, apparsi piuttosto appesantiti dopo la pausa natalizia. Gara sempre divertente, soprattutto per i tifosi venuti da tutto il mondo a cui le squadre hanno regalato una serata memorabile.

Le due formazioni iniziano il match a viso aperto e senza paura, lasciando però aperte grandi praterie che i due attaccanti esterni del Milan sfruttano alla grande in contropiede per mettere in difficoltà la difesa del Real già dal primo minuto. Il primo brivido per la porta difesa da Keylor Navas viene dalla testa di Bonaventura che prova a girare verso lo specchio il cross Montolivo, ma viene ostacolato e non riesce a rendersi pericoloso. Passa una manciata di minuti e a rendersi pericoloso è il Real Madrid con Ronaldo che serve in profondità Hernandez che però si allunga troppo il pallone e conclude da posizine defilata. Al 24′ il Milan passa in vantaggio: clamorosa amnesia di Nacho che nel passare la palla verso Navas non si avvede di Menez che conquista la sfera e batte facilmente il portiere madrileno. La reazione dei Galacticos è inesistente e la squadra di Inzaghi ne approfitta per segnare subito il 2-0. El Shaarawy trova un varco sulla sinistra e dal limite dell’area infila il pallone nell’angolino. Servono solo 3 giri d’orologio e Ronaldo decide che è tempo di accorciare le distanze: dopo una cavalcata area-area, CR7 nota Diego Lopez male posizionato e con un piattone lo supera dalla distanza. Sul finire della prima frazione, il Milan avrebbe anche l’occasione di segnare ancora, ma il rasoterra di Montolivo dalla distanza e ben respinto da Navas.

Al rientro delle formazioni in campo, parte la classica girandola di cambi. Nel Milan entrano Pazzini, Alex e Poli, mentre Ancelotti toglie Ronaldo e manda in campo Bale, Casillas e James Rodriguez. Le molte sostituzioni non cambiano comunque il tenore del match: i rossoneri si gettano subito in avanti e al 3′ trovano il 3-1 ancora con El Shaarawy. La rabbiosa reazione del Real non porta i risultati sperati e al 28′ trova il gol anche Pazzini che corregge in porta il cross di Niang. Dopo il quarto gol i rossoneri tirano il fiato e i Galacticos, che restano sempre e comunque i Galacticos, ne approfittano subito: Nacho viene messo a terra in area da Niang e l’arbitro concede il rigore. Sul dischetto si presenta Benzema che batte di potenza Diego Lopez e fissa il risultato sul 4-2. Il Milan batte il Real e conquista il Trofeo Bernabeu, un’amichevole certo, ma un risultato capace di svoltare una stagione.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy