Italia paese di tuffatori. Guidolin: “Mai visti in Inghilterra”

Italia paese di tuffatori. Guidolin: “Mai visti in Inghilterra”

L’Italia si conferma paese di santi, poeti, navigatori e tuffatori in area. Un fenomeno tipico. Guidolin: “mai visti in Inghilterra”

Commenta per primo!

«Non ho mai visto una simulazione da quando sono qui, né di un mio giocatore né di un avversario. Proprio non esiste quest’idea di tuffarsi, è una questione di cultura. Dell’arbitro non ci si preoccupa, non è come da noi, il direttore di gara non è visto come un qualcosa da cui dipende la vittoria o la sconfitta di una squadra. La simulazione quindi è fuori discussione». Così Francesco Guidolin al Corriere della Sera sui tuffatori in area, fenomeno tipicamente italiano.

Il gallese Mark Hughes, ex centravanti del Chelsea e oggi allenatore dello Stoke, chiarisce le differenze culturali: «La simulazione viene giudicata in modo diverso in altri Paesi. Ci sono posti un cui tuffarsi, accentuare una caduta o trarre in inganno l’arbitro è considerata una grande abilità. Questo modo di pensare è lontanissimo da chi segue il calcio in Inghilterra».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy