Epurazione o rivoluzione?

Epurazione o rivoluzione?

Il francese centralizzava troppo la manovra a scapito di altri, segnava ma il numero di gol forse non era sufficiente per un sacrificio del genere

di paoloblasotti

La partenza di Thereau, l’arrivo di Maxi Lopez, e gli ultimi due giorni di mercato hanno provocato delle scosse telluriche di un magnitudo che da queste parti non si registrava da tempo.

La partenza di un singolo come Thereau, sacrificato per valorizzare il collettivo: sarà questa la strada giusta da percorrere? Analizziamo tatticamente la situazione:

Delneri da Thereau voleva un impiego più vicino alla porta, più da area di rigore, in modo da valorizzare la sua media realizzativa e spremere la sua qualità dentro l’area di rigore senza lasciarla appannare dai km percorsi a tutto campo. Non si può dire che in queste prime due giornate il francese abbia ottemperato alle richieste del mister di Aquileia. Certo ha segnato, ha reso in termini di reti, ma la squadra ha reso? Il suo compagno di reparto ha reso? Il centrocampo ha reso?

Thereau in questi 3 anni a Udine si è professato un buon solista più che un valorizzatore della qualità di squadra. Il suo girovagare per il campo allo scopo di cucire il gioco, ha fatto da contraltare al fatto di lasciare abbandonato in mezzo all’area il suo partner d’attacco, fosse questo Zapata o, di questi tempi, Lasagna, lasciati da soli in balia di 2 o 3 difensori avversari, lasciati da soli a prendere le botte in area di rigore, laddove Monseur Thereau non osava andare a sporcarsi i piedi; convenendo che Lasagna non è Van Basten ( e neanche una prima punta) il rendimento dello stesso, in tale situazione tattica, non poteva certo essere ottimale, considerando poi che l’ex Carpi appena arrivato aveva professato di gradire un compagno di reparto vicino con il quale dialogare. Zapata si arrangiava con il fisico, ma Lasagna non dispone di tale struttura. Capitolo assist?  Non si registrano assist da parte di Thereau al compagno di reparto lo scorso anno, mentre Zapata regalò ben 3 palloni da spingere in rete al francese.

Thereau inoltre metteva in imbarazzo i centrocampisti, ai quali andava a sradicare il pallone dai piedi e rallentava sovente la manovra, accarezzando il pallone con la suola di entrambe le scarpe prima di scaricarlo.

Ora i centrocampisti, senza Thereau, potranno alzare lo sguardo e osservare due punte la davanti (non una sola) una che viene incontro e l’altra che detta la profondità: il gioco del calcio! Le due punte che adesso giocheranno potranno riempire assieme l’area di rigore, condividere le botte dei difensori e i palloni, nonchè scambiarseli con rapidi uno due. Il gioco inoltre ne trarrà giovamento, in quanto si cercherà più la verticalizzazione con maggiori soluzioni davanti.

Certo Thereau segnava, e garantiva un congruo numero di reti, aveva qualità d’altronde, ma il suo impiego, forse, richiedeva il sacrificio di più di qualcuno, facendo si che la squadra facesse rendere 8/9 elementi e non 11. Se Thereau avesse segnato 24 gol a stagione, e fosse stato un top player come Di natale, evidentemente il gioco sarebbe valso la candela, ma segnandone 11/12 forse anche no. Senza considerare che Maxi Lopez (più in forma di quanto ci si potesse attendere) riempie meglio l’area di rigore, sa giocare di schiena, è tecnico, e può offrire valide sponde alla seconda punta IN AREA DI RIGORE, o appoggi ai centrocampisti a rimorchio; forse meglio anche di Zapata da questo punto di vista.

Insomma, Epurazione che ci stava, quella di Thereau ( se è vero che anche a livello di spogliatoio con i compagni si era rotto qualcosa), in un momento nel quale bisogna fare gruppo, è necessario remare tutti nella stessa direzione.

Attenzione però: d’ora in poi non ci saranno più alibi per il resto della truppa; avranno tutti le loro possibilità, compreso il nuovo arrivato Bajic, sul quale la società ha investito. Meno solisti più collettivo, può essere la ricetta giusta per una salvezza che anche quest’anno sarà il primo obbiettivo da raggiungere,  e il più in fretta possibile.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy