Pazientemente sfiduciati. La fiducia va conquistata

Pazientemente sfiduciati. La fiducia va conquistata

Il futuro è incerto e preoccupa.

di Paolo Minotti

Paròn Pozzo raccomanda ai tifosi: “siate pazientemente fiduciosi”, lasciando intendere che le cose miglioreranno, o verranno migliorate, eppure tra i supporters bianconeri sono proprio la pazienza e la fiducia ad essere andate a farsi benedire.

Alzi la mano chi sinceramente pensa che l’Udinese possa battere sabato pomeriggio la Sampdoria!

Si, siamo tanti, è ovvio, ma perché è il cuore che parla, è la speranza insita in ognuno di noi, è la paura di veder soccombere nuovamente la nostra squadra nel nostro stadio, di vederla subire la sesta sconfitta e di vederla precipitare in classifica. Una paura che vorremmo scacciare proprio con una vittoria. Obiettivamente però, la squadra di Giampaolo ha qualcosa in più rispetto alla nostra Udinese, non solo gli 8 punti di differenza in classifica, tra l’altro la Samp ha ancora una partita da recuperare, ma un morale e una tranquillità all’ennesima potenza, soprattutto dopo la vittoria sul Milan, nonché la possibilità di poter disporre in attacco di due ex, Zapata e Quagliarella, che alla ballerina difesa bianconera potrebbero fare tanto male. Contro i doriani si dovrebbe vedere in campo tutto quello che finora non si è visto, portiere sicuro, difesa ferrea, centrocampo che fa filtro e imposta, laterali che si mangiano l’erba, attaccanti “cattivi” sotto porta. Il tutto condito da grande determinazione e voglia di vincere. Tante, troppe cose tutte in una volta, per quest’Udinese dai mille problemi, seppur nel calcio tutto può succedere. Ma anche se così fosse, e ci togliesse quel peso di apprensione dallo stomaco, resteremmo comunque pazientemente sfiduciati, perché la fiducia va conquista, partita dopo partita. Il futuro è incerto e preoccupa.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy