Per fortuna che c’è il Sassuolo. Tre punti d’oro

Per fortuna che c’è il Sassuolo. Tre punti d’oro

Il Sassuolo di Bucchi non ha mai impensierito i bianconeri

di Paolo Minotti

Non è certo stata una partita particolarmente emozionante, e forse è andata bene proprio così, con con un gol di Barak, il primo con la maglia bianconera in campionato. L’Udinese ha trovato davanti a se una tra quelle squadre con problemi ben maggiori rispetto a quelli bianconeri, nonostante la classifica prima di questa partita dicesse il contrario. Il Sassuolo di Bucchi non ha mai impensierito i bianconeri, anzi,come al solito è stata la formazione di Delneri a mettersi da sola nelle condizioni di poter rischiare qualcosa, la più clamorosa il nuovo tentativo di Samir di trafiggere Bizzarri con una maldestra respinta di destro, dando la colpa al rimbalzo beffardo sul terreno prima di colpire il pallone, quando in realtà l’errore di partenza era ancora una volta la posizione del corpo, verso la propria porta, come contro la Juve. Sta di fatto che l’Udinese ritorna alla vittoria dopo sei mesi, un’eternità, e lo fa con un turn over che all’inizio ha lasciato perplessi ma ha avuto il pregio di arrivare al risultato pieno. Nel secondo tempo Delneri pensa più ai tre punti e ad arretrare la formazione ma il Sassuolo visto stasera non avrebbe impensierito i bianconeri nemmeno si fossero schierati con un modulo ultra offensivo e con oltretutto una difesa già incerottata così com’era.

Si chiedeva un pronto riscatto ed arrivato e questo è ciò che contava, un po’ per alleggerire la pesante sconfitta di sabato scorso con la Juventus ma soprattutto per ritrovare punti e vittoria al più presto. Nessuno si aspettava una partita così favorevole per l’Udinese, Delneri e i giocatori adesso però devono portare a termine l’opera domenica contro l’Atalanta per scacciare ombre e paure, per fortuna comunque, che stasera c’era il Sassuolo e si ritorna in Friuli con tre punti d’oro.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy