Udinese: la cura Delneri non basta

Udinese: la cura Delneri non basta

Il gruppo bianconero sembra essere di nuovo allo sbando, ora la parola passa alla società

Commenta per primo!

La sconfitta al Sant’Elia ha praticamente cancellato quanto di buono fatto da mister Delneri nelle ultime settimane. L’Udinese non riesce a vincere ormai da quattro giornate e ha palesato forti limiti che già conoscevamo.

La prestazione a Cagliari è stata alquanto deludente per una squadra che doveva ripartire dopo due pareggi e una sconfitta in casa. Purtroppo i campanelli d’allarme che avevamo intravisto con la sconfitta a Napoli si sono palesati, e l’hanno fatto con una squadra decisamente più abbordabile degli azzurri, non staremo qui a ripeterli per l’ennesima volta.

Delneri non ha la bacchetta magica, fa quello che può. Quello che si ritrova però è un gruppo quasi allo sbando e poco legato; i fatti della scorsa settimana riguardanti Danilo, peraltro capitano della squadra, lo dimostrano. All’Udinese manca quello zoccolo duro di giocatori, magari italiani, in grado di prendere in mano la situazione nei momenti difficili e tenere insieme lo spogliatoio. Quei giocatori si chiamavano Di Natale, Pinzi, Domizzi, Pasquale e tanti altri che ormai a Udine non ci sono più e non sono stati certo rimpiazzati da Danilo o Thereau.

La prossima giornata i bianconeri dovranno affrontare in casa il Bologna, squadra alla loro portata, ma sicuramente affamata di punti dopo le ultime sconfitte. Sarà importassimo portare a casa il bottino pieno visto che l’impegno successivo sarà la trasferta contro l’Atalanta, squadra rivelazione di questo campionato.

La risposta a questa situazione deve venire dalla società, qualcosa è stato fatto durante l’estate, ma certamente non è sufficiente. Bisognerà correre ai ripari nel mercato di gennaio per cercare di dare un volto a questa squadra che per ora parla molte lingue, senza però capirne nessuna.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy