Udinese sconfitta in campo, vittoria sugli spalti

Udinese sconfitta in campo, vittoria sugli spalti

L’Udinese perde in campo, ma vince la partita del tifo, nonostante i friulani siano stati in minoranza. La squadra va intanto ripensata, Pozzo deve agire sul mercato prendendo giocatori di qualità perché oggi sta venendo meno soprattutto questa. Altrimenti non si potrà che parlare sempre di salvezza

Commenta per primo!

Se ci fosse stato un punteggio anche per il tifo sugli spalti, questa partita sarebbe finita quantomeno in parità, purtroppo però, vince chi fa più gol.

L’Udinese in campo ha mostrato ancora una volta il peggio di sé deludendo sotto tutti i punti di vista, ma sugli spalti c’è stata una vittoria netta e schiacciante, nonostante la maggioranza di tifosi juventini.

L’identità di una città con la sua squadra ha avuto la meglio contro i gli opportunisti del tifo d’Italia, peccato che la squadra non abbia fatto altrettanto, ma le cause vanno ricercate altrove.

Ancora una volta ci ritroviamo a raccontare di disattenzioni fatali, errori determinanti, carenze tecniche, mancanza di voglia e concentrazione e di una guida tecnica discutibile.

Proprio nella partita delle partite, con lo Stadio nuovo per la prima volta aperto in tutti i settori ed esaurito in ogni ordine di posto, l’approccio e l’atteggiamento dovevano essere in tutt’altro modo.

Ed invece dopo appena 30 minuti la partita era già conclusa, espulsione di Danilo e conseguente realizzazione del rigore che portava gli ospiti sullo 0-3.

La squadra  ha mollato, non c’è più in campo, solo sugli spalti, come già detto. C’è chi tiene ancora alto l’onore dell’Udinese e dei suoi colori, nonostante  giocatori come Edenilson, Badu, Iturra o Widmer stoppino il pallone a tre metri ad ogni controllo, cosa che che avrebbe fatto scappare qualsiasi tifoso amante del bel calcio, o vedere Fernandes appena entrato in campo perdere un contrasto a “piede mollo”,cosa che  avrebbe fatto scattare in campo uno qualsiasi dagli spalti per spiegargli cosa significa grinta, volontà, determinazione e attaccamento alla maglia.

Rimangono le parole di Pozzo nel pre partita : con lo stadio nuovo basta parlare di salvezza !

Eppure abbiamo visto che non è lo Stadio a portare punti, ci vogliono giocatori ed allenatore all’altezza, e per averli, bisogna mettere mano al portafoglio. Are you ready ?

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy