Udinese-Torino 1-5 quando la Curva Nord non smise di cantare

Udinese-Torino 1-5 quando la Curva Nord non smise di cantare

Quella partita resterà un simbolo nella storia dell’Udinese e del nuovo Stadio Friuli, nel bene e nel male

Commenta per primo!

Solo a ripensarci vengono i brividi, mentre a rivedere i video di quell’incredibile post partita di Udinese-Torino in cui i bianconeri vennero umiliati per 1-5 nel giorno del ricordo del terremoto 1976, un mix di emozione, orgoglio e rabbia pervadono anima e cuore.

Quella partita resterà un simbolo nella storia dell’Udinese e del nuovo Stadio Friuli, nel bene e nel male. Dovrà essere ricordata come monito per la pessima figura fatta in campo, per il mancato senso di appartenenza nel ricordo di una tragedia che segnò il Friuli, per la mancanza di rispetto verso chi aveva preparato per quella partita una coreografia mozzafiato ed è rimasto fino alla fine nonostante lo spettacolo indegno mostrato sul campo.

Dovrà invece essere ricordata come esempio per quanto visto proprio a fine partita, quando al coro di “ un giorno all’improvviso ” la Curva Nord ha dato spettacolo, incollando ai propri posti tanti tifosi degli altri settori, in segno di protesta, ma soprattutto di attaccamento e amore senza fine.

Quella di stasera potrebbe essere l’occasione per cancellare quell’onta, qualcuno dei giocatori presenti allora lo sarà anche oggi e dovranno dare tutto per far dimenticare quel brutto episodio.

La fiducia la riponiamo sul Gigi d’Aquileia, lui sa cosa fare e cosa dire per trasmettere le giuste motivazioni e siamo sicuri che i giocatori daranno il massimo, come dimostrato nelle ultime partite.

In fin dei conti è una partita da vendicare, e non ce ne vogliano gli amici granata, ma questa volta non vogliamo smettere di cantare solo dopo una bella vittoria dell’Udinese

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy