Su Mourinho l’ombra di Ancelotti

Su Mourinho l’ombra di Ancelotti

“Sono felice di non avere un tag elettronico. Una multa di 50 mila sterline e’ una sciagura e la possibilita’ di venire squalificato e’ incredibile”. Al Waterstones Piccadilly per promuovere il suo libro, Jose’ Mourinho sfoga tutta la sua rabbia per le sanzioni che la Football Association gli ha inflitto per le parole nel post-gara di Chelsea-Southampton. “Gli arbitri hanno paura di fischiare a favore del Chelsea – si era lamentato lo Special One – Sull’1-1 c’era un rigore enorme per noi e ancora una volta non lo hanno fischiato. Se la FA vuole punirmi, che lo faccia anche se non punisce gli altri allenatori. Gli arbitri temono di fischiare per noi e veniamo sempre puniti”. Parole che si sono trasformare in una multa di 50 mila sterline e un turno di squalifica sospeso per un anno.

Intanto, secondo l'”Evening Standard”, la situazione del tecnico di Setubal all’interno dello spogliatoio dei Blues si starebbe facendo sempre piu’ delicata, con diversi giocatori che gli avrebbero affibbiato un nomignolo poco lusinghiero. Le critiche pubbliche rivolte da Mourinho alla sua squadra e al suo staff prima della sosta avrebbero provocato una spaccatura al limite dell’ammutinamento.

La fiducia del club verso lo Special One è ai minimi e se il Chelsea non cambia rotta immediatamente, l’ombra di Carlo Ancelotti diventa ogni giorno più ingombrante per Mou. Il quale per ora ha come scudo solo il suo faraonico contratto.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy