Ufm Monfalcone sconfitto a Motta di Livenza

Ufm Monfalcone sconfitto a Motta di Livenza

Commenta per primo!

Sconfitta agrodolce per l’Unione Fincantieri Monfalcone questa sera nel posticipo dell’ottava giornata disputato a Motta di Livenza: il 3 a 2 maturato al termine di un incontro tutto sommato equilibrato non smuoverà la precaria posizione in classifica però è rinfrancante per l’ambiente cantierino in quanto la squadra, sotto il profilo del gioco e dell’atteggiamento lontano dal Comunale, esce sicuramente a testa alta. Inoltre per la prima volta in stagione gli Azzurri sono riusciti ad andare a segno in trasferta, grazie alla doppietta di uno scatenato Rodić nuovamente a referto dopo la realizzazione di sabato scorso con il Campodarsego. Privo di Miraglia (in panchina per onor di firma), mister Zoratti propone il giovane Hirkic a centrocampo, lasciando pressochè immutato lo schieramento rispetto alla precedente esibizione.

Questa la cronaca di un match divertente giocato su un terreno che bene ha retto alle copiose piogge delle ultime ore. Al 5′ Unione già in vantaggio: rapida ripartenza di Zetto che serve Rodić il quale tutto solo penetra in area e batte l’estremo trevigiano Bettin con una conclusione a mezz’altezza. La risposta dei padroni di casa è immediata ed al 9′ pervengono al pareggio: Cardin scambia corto con un compagno e dopo aver varcato la linea dei sedici metri infila Contento con un rasoterra chirurgico che accarezza il palo e si infila in rete. Dopo averci riprovato al 13′ con una botta da venti metri di Pagan che sfiora il palo, al 15′ i veneti completano la rimonta: Dene, approfittando di uno scivolone di Pratolino, si invola sulla sinistra presentandosi tutto solo davanti a Contento e trafiggendolo in uscita. L’UFM non ci sta e reagisce bene allo svantaggio prendendo in mano le redini del gioco, creando fino all’intervallo una serie di occasioni per pervenire al pareggio. Come al 23′ quando Godeas, a 2 metri dalla porta, si gira e calcia un fendente a pelo d’erba sventato di piede in angolo da Bettin, o al 28′ con una rasoiata di Zetto che rasenta il legno, o ancora al 35′ quando un traversone di Fernandez non trattenuto dal numero uno locale cade nei pressi di Godeas che non riesce per un niente a toccare in rete. Nella ripresa, che vede in campo Loperfido per Hirkic, l’Unione continua a mantenersi in pressing nella metà campo trevigiana. Al 49′ Godeas, servito da Bezzo, da buona posizione calcia forte ma centrale permettendo a Bettin di agguantare in presa bassa. Al 56′ Bezzo dal limite mira l’incrocio dei pali mancandolo di un soffio. Poi solo Liventina: due azioni fotocopia a cavallo tra il 66′ ed il 68′ nelle quali il protagonista è Contento, abile nel respingere di pugno le conclusioni di Soncin prima e Pagan poi, sono il preludio al terzo gol dei padroni di casa: minuto 70, ancora un ruzzolone di un difensore cantierino (stavolta Fernandez) spalanca le praterie al contropiede biancoverde, con Pagan rapido nel servire Boem che dal limite pesca l’angolino non lasciando scampo a Contento.

Il finale di gara, tutto di marca monfalconese, vede gli Azzurri protesi in avanti: dopo un inesistente off-side fischiato a Rodić lanciato a rete, all’89’ gli Azzurri centrano il bersaglio per la seconda volta ancora con il bomber sloveno, il quale – innescato da De Gregorio (subentrato al 73′ a Bezzo) – da posizione angolatissima brucia Bettin con un preciso diagonale, riaccendendo le speranze per un’incredibile rimonta. Ma non c’è più tempo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy