Firenze resta tabù, Udinese a vuoto

Firenze resta tabù, Udinese a vuoto

La formazione bianconera incappa in una nuova cocente sconfitta

Commenta per primo!

L’Udinese esce ancora una volta sconfitta dalla trasferta di Firenze, confermando la solita difficoltà a creare occasioni da gol, e quelle che capitano, come accaduto a Zapata, non riuscire a concretizzarle. La squadra sembra tenere bene il campo e a saper ripartire ma le difficoltà nel mettere gli attaccanti in condizione di andare a rete sono disarmanti.

La Cronaca. All’Artemio Franchi di Firenze va in scena il secondo anticipo della 24esima giornata di Serie A, l’Udinese di Delneri arriva dal pareggio esterno a reti inviolate a Verona contro il Chievo, la Fiorentina dalla sconfitta per 4 a 0 subita ad opera della Roma all’Olimpico.

Tra i viola squalificato il colombiano Sanchez, Kalinic parte dalla panchina, al centro dell’attacco c’è Babacar, alle sue spalle Bernardeschi e Borja Valero, a centrocampo Milic, Vecino, Badelj e Chiesa, in difesa Astori, Gonzalo e Tomovic davanti a Tatarusanu, il modulo è il 3-4-2-1. I bianconeri invece si presentano con gli stessi undici iniziali visti con Milan e Chievo, Karnezis in porta, la difesa a quattro con Widmer, Danilo e Samir, a centrocampo Jankto, Hallfredsson e Fofana, in attacco Zapata sostenuto da Thereau e De Paul. Arbitra Mariani della sezione di Aprilia.

Primo Tempo. Dopo trenta secondi Fiorentina subito pericolosa, da un errato appoggio di Felipe, Vecino serve Babacar che calcia in porta, Karnezis respinge. Supremazia viola nei primi minuti, l’Udinese si approccia male alla partita. La squadra di Delneri si ricompone velocemente e prova alcune sortite con Widmer e Thereau. Le direttive del mister di Aquileia sono chiare, il francese e De Paul devono allargare le maglie della difesa, Fofana pressare su Borja Valero, la mente dei viola. Primo tiro in porta dei bianconeri al tredicesimo con Fofana, Tatarusanu c’è. Al 20’ cavalcata di Widmer che entra in area di rigore ma disturbato da Gonzalo non calcia bene dando quasi l’impressione di aver subito fallo da rigore, ma non c’è contatto, lo svizzero cade da solo. Sul ribaltamento tiro pericoloso di Badelj dal limite che impegna Karnezis centralmente. Passa la mezzora, l’Udinese tiene bene il campo, la Fiorentina cerca soluzioni con Bernardeschi, Vecino, Milic e Chiesa. Discutibile l’arbitraggio di Mariani, che sorvola troppe volte su contatti evidenti per poi ammonire in quelli successivi per riprendere in mano la situazione. Al 40’ il vantaggio viola, Vecino serve Bernardeschi, la mezzala da fuori area lascia partire un tiro che va ad incocciare la traversa, Borja Valero è il più rapido sulla respinta e batte Karnezis. Sullo scadere dei due minuti di recupero, ancora Bernardeschi impegna Karnezis su una punizione laterale dal limite dell’area. Borja Valero è l’ago della bilancia, liberatosi da ogni marcatura, spazia su tutto il fronte d’attacco, risultando determinante. L’Udinese dopo aver ritrovato la quadratura non è stata incisiva e si è lasciata scappare lo spagnolo.

Secondo Tempo. Tra i bianconeri entra dal primo minuto Badu, di ritorno dalla coppa d’Africa, a fargli posto Jankto, non troppo attento in fase difensiva e poco propositivo in fase offensiva. Dopo pochi secondi ad essere subito pericolosa è l’Udinese proprio con Badu, ma l’occasione d’oro arriva un attimo dopo, al 48’ con Zapata che si divora un gol centrando Tatarusanu su colpo di testa dopo un bel cross di De Paul. Il colombiano non va a segno da dicembre. Al 53’ arriva già il secondo cambio per Delneri, Perica subentra a De Paul e l’Udinese gioca con tre punte effettive. L’Udinese dà la sensazione di voler recuperare il risultato, al 56’ Perica conquista palla e serve Thereau, il tiro del francese però non impensierisce il portiere viola. Al 59’ Fofana si invola in un coast to coast ma poi perde il tempo per servire i compagni. Al 62’ raddoppio viola, Borja Valero serve Babacar che trova il gol con un tiro da fuori dopo la sfortunata deviazione di Samir che beffa Karnezis. La Fiorentina trova il secondo gol nel momento migliore dell’Udinese. Al 68’ terzo cambio nell’Udinese, esce Thereau ed entra Matos, mentre un minuto prima Babacar lascia il posto a Kalinic. Esordio in maglia viola per Saponara che entra al 74’ al posto di Vecino. L’Udinese si schiera con un 4-4-2 ma la partita ormai ha preso una piega difficilmente rimediabile. A dieci minuti dalla fine rigore per la Fiorentina per fallo di mano di Fofana in barriera sulla punizione dal limite di Bernardeschi, trasformato dallo stesso giocatore. 3-0. Il giocatore lascerà il posto a Tello all’84’ per il terzo cambio viola. Il risultato non cambierà fino alla fine, l’Udinese incappa in una nuova cocente sconfitta.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy