Samir lancia messaggi all’Udinese: suo il gol che stende il Bologna

Samir lancia messaggi all’Udinese: suo il gol che stende il Bologna

La partita di Bologna la decide il gol all’esordio in A del 21enne brasiliano che i Pozzo hanno preso a gennaio, appoggiandolo al Verona per il limite degli extracomunitari. Non doveva giocare prima dell’influenza di Helander, ha riaperto la lotta salvezza

Commenta per primo!

Samir lancia messaggi importanti all’Udinese che in lui crede tantissimo e che a giugno porterà in Friuli dopo averlo ‘parcheggiato’ in prestito al Verona. E, come scrive la Gazzetta dello sport, il club scaligero lo ha utilizzato il meno possibile, come una cosa che si custodisce in attesa di restituirla: la gara con il Bologna che ha deciso segnando di testa al 42′ del primo tempo era il suo esordio in serie A. Che non ci sarebbe neanche stato senza la gastroenterite che all’ultimo momento ha fermato lo svedese Helander, titolare annunciato accanto a Moras.

LA SCHEDA SECONDO LA ROSEA — Alto un metro e 88, molto bravo nel gioco aereo, nato nel 1994 ma a dicembre, Samir viene descritto come più che discreto anche in fase di costruzione di gioco: cresciuto nel Fluminense, passato per l’Audax, nel 2012 è stato ingaggiato dal Flamengo, che dalla sua cessione ha ricavato 4,5 milioni e mezzo di euro. Glieli ha versati la famiglia Pozzo, acquistandolo a nome del Granada, che lo ha subito ceduto in prestito al Verona. Nel suo curriculum, prima del gol di stasera, il Sudamericano Under 20 del 2013, quello in cui si sono rivelati tre ragazzi passati per l’Italia senza fermarsi troppo, Nico Lopez, l’ex Frosinone Castillo e Juan Quintero: loro occupavano i primi posti della classifica cannonieri, il difensore che al Verona ha preso il numero 4 si limitava a esserci, ma in panchina, come nei suoi primi mesi di A.
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy