Borriello e un mercato ancora indecifrabile

Borriello e un mercato ancora indecifrabile

L’Udinese se dovesse prelevare Borriello, dovrebbe privarsi di Thereau: per un mercato con tante voci in uscita, ma in entrata con elementi che non fanno pensare a un progetto di ringiovanimento e pluriennale

Tu chiamale se vuoi, suggestioni. Ma non per questo non possono materializzarsi. Parliamo di Marco Borriello, 34 anni, finito a quanto pare tra gli obiettivi di mercato dell’Udinese per l’attacco. Possibile? Diciamo credibile, ma che lascia aperte altre considerazioni e supposizioni.

Un suo eventuale arrivo coinciderebbe con uno stravolgimento della line offensiva. Ad oggi i titolari sono Thereau e Al Arabi, con Zapata destinato all’addio. L’arrivo della punta napoletana metterebbe a posto una casella dedicata agli italiani, ma alzerebbe ulteriormente l’età media della squadra. Insomma un’operazione che non convince, perché anni fa è vero che un’affare simile avvenne per Corradi, ma la situazione era completamente diversa. Inoltre l’arrivo dell’oramai quasi ex Atalanta, aprirebbe a una cessione di Thereau.

Il francese non ha chiesto di andare via, ma se proprio l’Udinese dovesse privarsene lui vuole rimanere in Italia. L’Atalanta a quel punto diverrebbe una pretendente seria.

L’altro nome per l’attacco è Babacar, ma al di là delle operazioni in ballo con la Fiorentina (Fernandes, Verre, Kone), è difficile convincere l’attaccante a decurtarsi notevolmente l’ingaggio per venire a Udine.

Per questo la sensazione è che per adesso le priorità di Gino Pozzo siano altrove: in avanti El Arabi e Hamdi verranno valutati, poi c’è Matos acquistato solo sei mesi fa, ed eventualmente c’è da valutare Rovini, che a Pistoia farebbero di tutto per trattenerlo.

Rimane la grande domanda: qual è la strategia di mercato dell’Udinese? D’accordo che le trattative sono appena cominciate e che nulla si sta davvero muovendo in massima serie, me le indicazioni fanno sembrare gli obiettivi come delle ‘pezze’ in ruoli carenti, ma senza un vero progetto di ringiovanimento e pluriennale.

Insomma, l’Udinese è al palo ancora: si parla di uscite (Zielinski e altri che porteranno plusvalenze), ma gli arrivi sembrano sempre più in linea con quelli degli ultimi anni.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy