Falcinelli sogna i Mondiali 2018 e saluta il Sassuolo

Falcinelli sogna i Mondiali 2018 e saluta il Sassuolo

Al Corriere dell’Umbria l’attaccante perugino, entrato nel mirino dell’Udinese, confessa: “Spero di esserci in Russia. Il futuro? Di sicuro non rimarrò in neroverde”

Falcinelli si mette sul mercato. Conclusa l’esperienza in prestito al Crotone, che l’ha definitivamente consacrato tra gli attaccanti più interessanti della serie A, Diego Falcinelli è rientrato al Sassuolo, ma la sua esperienza in neroverde è già ai titoli di coda. In un’ampia intervista rilasciata al Corriere dell’Umbria, l’attaccante perugino di Ponte San Giovanni e originario di Marsciano, ha rivelato: “Il futuro? Vediamo… di sicuro andrò via da Sassuolo“. Dichiarazioni importanti che tengono aperte le speranze delle sue “corteggiatrici”: Lazio, Torino, Sampdoria e, soprattutto, Udinese, ancora alla ricerca di un attaccante per sostituire Duvan Zapata, rientrato al Napoli.

In particolare, Falcinelli è alla ricerca di una squadra che gli garantisca continuità in vista di un anno, il 2018, che potrebbe essere molto importante, visto che a giugno la Nazionale sarà impegnata in Russia per i Mondiali. “Spero di esserci – ha sottolineato – E’ un obiettivo, un sogno, il massimo…“. D’altronde il feeling con l’azzurro è già scattato nei mesi scorsi, la prima chiamata è arrivata a febbraio per lo stage diretto dal ct Gian Piero Ventura. “Ero in ritiro prima della partita con l’Atalanta – racconta Falcinelli -, me lo ha detto mister Nicola. Una emozione grandissima, considerando che non mi perdevo un Europeo o un Mondiale da piccolo… Arrivarci è sicuramente difficile, ma restarci lo è ancora di più“. I 13 gol siglati nel campionato appena concluso sono sicuramente un bel biglietto da visita, ripeterli non sarà facile, ma l’attaccante umbro è determinato: “A questi livelli occorre chiacchierare poco e lavorare tanto. Non smetterò mai di migliorarmi allenamento dopo allenamento“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy