La margherita dell’Udinese

La margherita dell’Udinese

La margherita dai petali bianconeri si sta pian piano sfogliando: alla fine ne rimarrà soltanto uno, per dirla alla ‘Highlander’. Chi sarà però l’ultimo petalo, anche se i tifosi sperano sia l’ultimo immortale, a vestire la casacca dell’Udinese per ricoprire il ruolo di attaccante è un rebus.
La società da tempo afferma che ha in mano già alcuni nomi, che le trattative non sono di certo cominciate ora. Però sorge anche il sospetto che qualche nome prima individuato ora si stia defilando.
Così sembra che l’obiettivo primario sia tornato quel Duvan Zapata cercato a lungo lo scorso anno, uno che Stramaccioni avrebbe accolto a braccia aperte, ma che per scelta del Napoli è rimasto all’ombra del Vesuvio a godersi più la panchina (su vista campo) che altro.
La cosa lo ha fatto lievemente adirare, e quindi adesso ha chiesto (e ottenuto, pare) di poter andare via. Però il suo cartellino è di quelli che valgono: 12 milioni (sempre a sentire i bene informati). Ecco che per l’Udinese sarebbe un ostacolo non da poco vista la politica da anni collaudata.
Si può però trattare: il Napoli vuole Allan, ma anche De Laurentiis considera troppo alta la valutazione data da Pozzo al brasiliano.
Si deve mediare, abbassare le cifre, poi il resto viene da sé.
Intanto si registrano le prime avvisaglie dell’entrata in vigore del ‘calciomercato’. Dichiarazioni sbaglia e riportate da tutti su Allan da parte del ds Giaretta, hanno fatto subito scattare la precisazione del dirigente friulano. In effetti sembrava strana un’incuta dove parlava di Inter, quando oramai tutti hanno capito che il centrocampista è fonte di trattativa col Napoli.
Anche perché diciamolo: Zapata ad oggi è l’unica vera pista percorribile per l’attacco da rinforzare. Gli altri nomi non convincono per vari motivi: l’ultimo, Guidetti, sembra destinato in ogni caso al Watford, Seferovic non si muove dalla Germania, Paloschi non sembra suscitare passione incondizionata.
Poi ci sarebbe il sogno El Shaarawy, in uscita dal Milan che sta per riprendersi Ibra. Pista suggestiva, ma con un’ingaggio insormontabile, per cui…Rimane uno spiraglio per Niang, anche lui in uscita, ma anche lui legato al ritorno di Ibra.

Se l’attaccante è un rebus, meno problemi vengono destati da altri reparti: sulla fascia sinistra prende quota la possibilità di vedere a Udine Ali Adnan (inizialmente dato per possibile partente verso il Watford), con relativo biglietto per l’Inghilterra cambiato per Gabriel Silva.
Sulla destra Edenilson piace a molti e, se il suo rientro in Friuli appare certo, la sua permanenza è ancora da verificare.

In difesa al nome di Samir si è aggiunto quello di Alef, giovane stella del sub 20 brasiliana, targato Olympique Marsiglia. Per sua setta ammissione ci sarebbe anche l’Udinese a volerlo, al pari dello Spoting Braga.

Insomma, i nomi cambiano, i petali si assotigliano: l’importante è non prendere l’ultimo appassito.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy