Udinese, che intasamento a centrocampo! Chi corre via?

Udinese, che intasamento a centrocampo! Chi corre via?

Mercato chiuso, dunque. Ma non c’è da stupirsi visto che da settimane analizziamo che le nuove regole combinate a una rosa che raggiunge complessivamente 40 elementi non permette di pensare a nuovi innesti. Gli obiettivi preposti sono stati raggiunti, Zapata e Iturra coprono la casella attaccante e mediano. Forse, vista da fuori, potrebbe servire un difensore se partisse Heurtaux, ma per ora il francese è a Udine, quindi…  Il neo arrivato IturraIn partenza però serve muoversi, perché non si vuole arrivare a fine agosto col fardello di possibili scontenti finiti fuori dalla rosa dei 25. L’Udinese potrebbe utilizzare questi elementi solo in Coppa Italia, ma chiunque si rende conto che è poca cosa. Il brutto di questa regola, come detto, è che è stata fatta senza pensare di creare prima le squadre B. In porta trattenere accorpa Scuffet potrebbe essere rischioso per la crescita del ragazzo, ma in a oramai non c’è più richiesta e in B il club vorrebbe cederlo in prestito solo a una società ambiziosa. Poi ci sono Pawlowski e Kelava da ‘piazzare’. In difesa c’è Daniele Mori che appare in esubero. Si sta allenando a parte, sperando magari un una chiamata di Colantuono per provarlo, ma che fino ad oggi non c’è stata. Ad Ascoli ci tornerebbe di corsa, ma l’operazione non è scontata. Sta convincendo, invece, come centrale , provato sempre come alternativa a Danilo. L’intasamento principale, però, è a centrocampo: Widmer è chiuso da Edenilson, anche lo svizzero deve giocare per continuare a cresce, per cui non si esclude che da qui ad agosto se arriva l’offerta giusta il club non decida di cederlo.Dall’altra parte, invece, Silva è a un passo dal Carpi, al pari della mezzala Evangelista. Per entrambi sarà prestito. Sulla destra a partire dovrebbe essere anche Faraoni, che piace al Torino. Gli emiliani, che a Udine stanno facendo la spesa, potrebbero chiedere anche Kone. Il greco si sta giocando il posto con Hallberg e Fernandes. Anche qui uno dei tre appare di troppo. La logica direbbe di far crescere altrove lo svedese, ma è logico pensare anche che troppa concorrenza in casa senza coppe europee non è sempre sinonimo di crescita della squadra. In mezzo la crescita di Merkel ha messo in evidenza il surplus, con Pinzi e Iturra e Badu che saranno i ‘muscoli’ accertati della rosa. Guilherme non si tocca, per cui sarà un altro  dover lasciare Udine, presumibilmente. Verre? E’ un candidato, visto che – come visto – come centrali c’è abbondanza, e l’U21 ha bisogno di continuare a giocare. In avanti Torje non è da escludere che alla fine rimanga. In allenamento Colantuono sembra che gli stia offrendo più di una possibilità, chiamandolo spesso al lavoro col gruppo principale. Chi non ha spazio è Nico Lopez, oramai ai margini, e che dovrebbe finire a breve al Granada. Ovviamente da piazzare anche i vari BattocchioCoeff, Camigliano, Mlinar, Geijo e Alhassan. Insomma il lavoro per il diesse Giaretta non manca. Il mercato in entrata è chiuso, ma serve sfoltire per non ritrovarsi ad agosto con troppi scontenti.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy