Zapata ai titoli di coda

Zapata ai titoli di coda

Zapata sembra essere al capolinea con la sua avventura all’Udinese: dovrebbe approdare al Sassuolo in un’operazione vasta. Dive il Napoli chiederà ancora Zielinski. E magari Pozzo tenterà una mossa per Gabbiadini

Oramai sembra praticamente certo: difficilmente Duvan Zapata rimarrà a Udine anche il prossimo anno, nonostante le conferme ufficiali da parte del club bianconero, le quali comunque hanno sempre lasciata aperta una porta. E dalla fessura sta entrando una corrente che la sta spalancando. Corrente che si chiama Sassuolo, il club che già l’anno scorso aveva conteso l’attaccante colombiano ai Pozzo.

Zapata quest’anno, infortunio a parte, è andato a fasi alterne. “Deve ancora migliorare tantissimo nei fondamentali tecnici e tattici ma ha un gran carattere che gli permetterà di fare un balzo in avanti”, ha detto recentemente Gigi De Canio, che ha anche ammesso che al Sassuolo si troverebbe bene.

Fernando Villarreal, l’agente del giocatore, è andato un po’ oltre: “Duvan sta bene, sta trascorrendo le sue vacanze in attesa di quello che accadrà nel futuro, valutando tutte le possibilità. Ipotesi Sassuolo? Non ho parlato con il Napoli di questa possibilità, non c’è nulla di concreto ad oggi, l’unica cosa che sappiamo è che deve trascorrere un altro anno in prestito all’Udinese, se dovesse esserci un’offerta interessante il Sassuolo è una destinazione gradita”.

Sempre l’agente ha poi spiegato che “il Napoli deve pagare una penale per riscattare Duvan prima del termine esatto del contratto che scadrà la prossima stagione. La società partenopea continua a monitorare la situazione perché apprezza molto il ragazzo e sono concrete le possibilità che torni in azzurro già questa estate”. Il prezzo è di un milione circa, per cui è facilmente pensabile che non appena il Napoli avrà chiuso per Vrsaljiko del Sassuolo, andrà a depositare l’assegno per riscattare Zapata e girarlo a Squinzi. Ma attenzione perché sul colombiano c’è anche l’interesse di Aresene Wenger per il suo Arsenal.

Ma non è finita: De Laurentiis vuole fortemente Zielinski, il quale sembra aver accelerato troppo sul suo futuro con la maglia del Liverpool. La trattativa con i Reds c’è, ma pare rallentata dalla richiesta dell’Udinese (13 milioni). Il Napoli, invece, avrebbe contropartite tecniche interessanti come Valdifiori da proporre a Pozzo.

Ma la punta? Gabbiadini rimane il sogno da sempre del Paròn bianconero, ma il suo prezzo è impossibile per un club come l’Udinese. A meno che non si parli di un prestito biennale come fatto l’anno scorso per Zapata.
Del resto oggi, se partisse Zapata, come attaccanti rimarrebbero Thereau, El Arabi (a breve la firma), Hamdi (tutto da scoprire), Perica e Matos. Manca insomma l’attaccante di valore che lo stesso Pozzo ha fatto intendere che vuole. Gabbiadini sarebbe più di una ciliegina sulla torta, ma per ora è una suggestione.

Ma l’arrivo di El Arabi potrebbe anche essere considerato se non la ciliegina, almeno la fragola: per cui potrebbe anche essere che per il club il reparto potrebbe anche funzionare così, senza altri concorrenti che chiedano il posto in uno spogliatoio che è sempre ‘esplosivo’.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy