Primavera Udinese-Hellas Verona 0-1Friulani beffati, il possesso palla non basta

Primavera Udinese-Hellas Verona 0-1Friulani beffati, il possesso palla non basta

L’Udinese ospita il Verona per un derby importante per entrambe: distaccate da un punto, serve una vittoria per continuare a sognare i playoff. E alla fine a conquistarla è l’Hellas che su rigore punisce severamente i bianconeri. Scaligeri con una occasione vera e tre punti a casa, bianconeri con tanto gioco, possesso palla, ma anche poca concretezza.

Commenta per primo!

Codroipo
Febbraio, 20, 2016
19/ma giornata Campionato Primavera

Udinese (3-5-2): Perisan; Maghzaoui, Francescutti, Da Silva; Borgobello, Halilovic, Magnino, Pontisso, Geromin; Prtajin, Garmendia. A disposizione: Savoldelli, Presello, Serafin, Variola, Goz, Tedesco, Amoroso, Armenakas, Melissano, Lenardo, Matic, Prampolini. All: Mattiussi.
Verona (3-5-2): Salvetti; Casale, Contri, Riccardi; Pavan, Checchin, Salifu, Hoxha, Badan; Tupta, Lancia. A Disposizione: Vencato, Gilli, Pellacani, Danzi, Speri, Buxton, Pinton, Tronco, Dagnoni. All: Pavanel

MARCATORI

PRIMO TEMPO Numerose le assenze in difesa per i bianconeri di mister Mattiussi, costretto a scelte obbligate dietro.
Squadra che distano un punto: Verona avanti a 27, Udinese a 26. Gara che fin dalle prime battute mostra una Udinese come sempre propositiva e ben messa in campo, con un centrocampo che cerca subito di dettare legge. Hellas che propone aggressività e pressing alto, ma che in difesa soffre un po’ la fisicità di Ivan Prtajin.
Primo tiro all’8′ da fuori con Borgobello, ma Salvati para a terra. Gialloblu che comunque quando si fanno vedere davanti, mostrano la loro qualità, con i friulani che difendono bene gli spazi.
Primi 15 minuti giocati a suo ritmo, senza particolari occasioni da nessuna delle due parti a conferma di come le due squadre si equivalgano non solo in classifica. Udinese che comunque offre un maggiore possesso palla e superiorità territoriale.
Al 30′ ancora da fuori l’Udinese, questa volta con Pontisso che di destra impegna severamente Salvetti.
Bianconeri decisamente più determinati e attenti, che controllano la partita, pur non arrivando a sbloccarla. Verona che si vede al 32′ con Salifu che con un tiro sporco fa fare la prima parata a Perisan.
La squadra di Mattiussi cresce ulteriormente nel finale e prima con Pontisso, poi soprattutto con Halilovic si fa vedere con altre due conclusioni che confermano la superiorità territoriale nella prima frazione.

SECONDO TEMPO Mister Pavanel manda in  campo Tronco per Salifu, più tecnica e meno fisico quindi per il Verona che cerca di riprendere campo. La falsariga rimane quella del primo tempo, però, con l’Udinese che fa gioco, ma trova difficoltà a pungere.
Bianconeri ancora dalla distanza alla conclusione al 53′ con capitan Magnino, ma pallone a lato.
Mattiussi al 60′ manda in campo Armenakas per Maghzaui: messaggio chiaro, si vuole vincere questa partita.
I ritmi però calano e non è facile trovare spazi. Anzi è Perisan al 65′ a salvare tutto con un grande intervento su Lancia che si era involato in contropiede.
Nonostante un modulo più offensivo per l’Udinese rimane il possesso palla, ma anche poche vere occasioni, con la gara che abbassa i toni.
Al 86′ la svolta: rigore per il Verona, Riccardi castiga impietosamente i bianconeri che ancora una volta fanno gioco ma hanno mostrato poca concretezza. Per il Verona un tiro vero e una rete.
Ultimi cambi per cercare di prendere il pareggio che sarebbe stato il minimo sindacale per l’Udinese, ma non basta il cuore.

CONCLUSIONI Ancora una volta si deve raccontare una beffa: per il Verona alla prima vera azione la rete, per l’Udinese tanto gioco, ma anche poca concretezza. Un risultato che rispecchia una stagione dove non basta il bel gioco a fare risultato: la squadra di mister Mattiussi è ottimamente disposta in campo, ha fatto gioco e ottenuto il possesso palla, ma alla fine non è riuscita a concretizzare quanto mostrato in campo.
Il Verona ha aspettato, si è chiuso bene, e alla fine ha copio sfruttando l’unico errore vero della difesa. Una beffa, che di fatto potrebbe costare i playoff. Il Verona non ha fatto nulla di più, ma è bastato. All’Udinese non è bastato giocare benzeni maniera sempre propositiva.

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy