Primavera: Verona-Udinese 2-3

Primavera: Verona-Udinese 2-3

Verona: Vencato; Pavan, Contri, Riccardi, Badan; Checchin, Guglielmelli, Speri; Tronco, Lancia, Tupta. All: Pavanel.

UDINESE: Perisan, Coppolaro, Joao, Francescutti, Maghzaoui, Variola, Evangelista (60′ Garmendia), Magnino, Geromin,  Borgobello,  Prtaijn

Marcatori: Borgobello, Prtajin, Riccardi (2), Coppolaro

L’Udinese parte subito forte e dopo 10′ minuti già raccoglie un paio di discrete occasioni  e, soprattutto, va in vantaggio: E’ Borgobello che si beve tutta la difesa del Verona e segna.

Ma la squadra di Mattiussi è uno spettacolo, come del resto si è visto anche nelle sfortunate gare col Chievo e cona la Salernitana, dove a punirla sono state ingenuità clamorose. I bianconeri pressano alto, mandano praticamente in tilt i gialloblu di  Pavane. L’Hellas Verona, 4 vittorie su 5 gare di campionato compresa l’impresa compiuta a Zingonia contro l’Atalanta la scorsa settimana, non riesce praticamente a superare la metà campo.
Al 27′ il raddoppio di Ivan Prtaijn, che conferma l’indole da goleador e sfrutta una clamorosa indecisione di Vencato, andando poi a segnare facile facile.

Ottimo il rientro di Lucas Evangelista che porta qualità e fantasia al centrocampo: il Verona per fermare le sue iniziative gli va incontro anche con tre giocatori.

Nonostante la supremazia, la solita distrazione in difesa consente al 36′ a Riccardi di siglare la rete che riapre le gare: bravo Guglielmelli a mettere in mezzo, cross teso che il compagno sfrutta inserendosi indisturbato.

Nella ripresa nessun cambio, ma cresce il Verona che va vicinissimo alla rete al 48′, ma Perisan ci mette una pezza cin un intervento miracoloso.
Squadre più lunghe e partita equilibrata con frequenti cambi di fronte: parecchie anche le piccole imprecisioni che forniscono il contropiede a entrambe le squadre. Bianconeri certamente più concreti e di qualità in mezzo, con Magnino e Evangelista che giostrano bene il pallone.

Al 60′ Speri va ancora vicino alla rete, ma Perisan è attento e determinante: è lui uno dei migliori del secondo tempo. Mattiussi a questo punto cambia Evangelista con Garmendia, tatticamente non cambia nulla.
L’Udinese abbassa troppo il baricentro e soffre ed è sempre il portiere bianconero a dover fare gli straordinari.
Al 75′ arriva il pareggio, meritato per quello che si è visto nella ripresa: rovesciata di Riccardi dal limite dell’area, Perisan non può nulla.
al 82′ Garmendia va su una palla innocua, venato gli crolla addosso ingenuamente, rigore! Coppolaro insacca!

Si chiude così, con una vittoria che arriva di rigore: dopo due gare buttate via per episodi, uno a favore non stona. ottimo primo tempo, meno la ripresa, ma alla fine i tre punti sono in tasca. bene soprattutto la mediana, da rivedere qualche disattenzione di troppo dietro.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy