Salernitana – Udinese Primavera 3-2

Salernitana – Udinese Primavera 3-2

L’Udinese Primavera di Luca Mattiussi contro al Salernitana per riprendere il discorso punti, interrotto col Chievo, ma con una prestazione decisamente all’altezza: contro i clivensi è mancato solo il risultato, ma come ha raccontato mister Mattiussi c’è stata forse la migliore prestazione stagionale.

FORMAZIONI

Salernitana: Patella, De Sio, Tarallo, Amabile, Di Fraia, Cuomo, Infante, Arcalemi, Cappiello, Cassata, Cattea.
Udinese: Perisan, Francescutti, Coppolaro, Joao, Margasan, Maghzaoui, Mincione, Magnino, Borgobello, Garmendia, Prtajin.
Marcatori: Infante, Matic, Amoroso, cappella (2)

Senza alcuni elementi di spicco (Pontisso e Armenakas su tutti) i bianconeri davanti a un pubblico numeroso e caldo cercando i mostrare tutto il loro carattere.

Parte bene l’Udinese che in 10 minuti raccoglie già cinque calci d’angolo, senza però mai creare davvero pericolo alla porta difesa da Patella.
Come spesso avvenuto in questa prima fase di stagione i bianconeri fanno la partita, ma non riescono a trovare la via del gol: Geromin inventa parecchi cross, ma in qualche modo la difesa campana riesce sempre a sventare le occasioni.
La legge del calcio è spietata: cos’ al 20′ passa la Salernitana. Rete spettacolare di Infante che di sinistro da posizione non facile batte l’incolpevole Perisan.

L’Udinese domina la gara ma è sotto, cinica la Salernitana che ha concretizzato l’unica vera occasione da goal. Al 35′ Prtajin ci prova dalla distanza ma mette alto, poco dopo gol annullato all’Udinese per fuorigioco.
Primo tempo, dunque, finito in svantaggio per l’Udinese che domina, ma non segna.

Nella ripresa largo a Marko Matic al posto di Joao Silva: l’Udinese passa così  al 4-3-3. Il gran gioco mostrato porta al cambiamento radicale del risultato. Al 60′ un colpo di tacco alla Roberto Mancini di Amoroso impegna Patella, poi è Matic la spinge in rete in mischia. Al 65′ sponda di Prtajin per Amoroso, che è freddissimo a mettere il pallone in fondo al sacco!

Ma è una gioia effimera: all’90’ la Salernitana pareggia a sorpresa su un errore di Borgobello, rimpallo che favorisce Cappiello, tiro e goal.
Al 84′ Coppolaro stende Faella e viene anche ammonito: rigore che Cappiello insacca.

Un’altra beffa, dunque, per la Primavera che si illude, ma come spesso accaduto regala troppo a avversari non trascendentali.

 

SEGUIRANNO AGGIORNAMENTI

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy