Udinese Primavera. Il Torneo di Lussino per testare i giovani per il prossimo anno

Udinese Primavera. Il Torneo di Lussino per testare i giovani per il prossimo anno

L’Udinese Primavera, come è normale che sia, il prossimo anno cambierà volto: Pontisso, Perisan, Magnino, Coppolaro sono tutti destinati a giocare tra i professionisti. A conferma che il lavoro fatto da tutto l’entourage bianconero, da Carnevale fino a Trevisan e Mattiussi sta portando tanti frutti

L’Udinese Primavera scalda i motori per le ultime fatiche: dal 22 al 29 maggio, infatti, sarà in scena sull’Isola di Lussino in Croazia per un torneo internazionale dove Mister Mattiussi proverà parecchi allievi che il prossimo anno potrebbero essere parte integrante della nuova squadra.

Alla quale mancheranno alcuni protagonisti che andranno a farsi le ossa in campionati più probanti. Samuele Perisan andrà in lega Pro, probabilmente nell’ambizioso Sud Tirol di Stroppa.
Anche Capitan Magnino potrebbe andare in prestito e l’ipotesi Pordenone è sempre calda: il centrocampista avrebbe così la possibilità di giocare nella squadra della sua città, raggiungendo anche Castrì che potrebbe rimanere in neroverde dopo il primo impatto di quest’anno tra Beretti e prima squadra.
Partirà certamente Ivan Prtajin, che è un 1996 e ha richieste anche da qualche squadra di B. Così come andrò a farsi le ossa altrove anche Simone Pontisso: «Andrà sicuramente a giocare altrove e l’esperienza gli servirà», ha spiegato mister Mattiussi.

Per Mauro Coppolaro potrebbe esercì invece il ritiro a Udine con la prima squadra, dopo di che sarà Iachini a decidere il suo futuro, se in bianconero o in prestito.

A rimanere saranno alcune potenziali stelle che sono cresciute molto in questi mesi grazie al lavoro fatto dalla staff tecnico. Si tratta di Armenakas, Garmendia, Melissano, Lenardi, Tedesco, Variola, Mincione,Joao, Maghzaoui, Presello, Prampolini forse anche Francescutti e Borgobello che potrebbe diventare anche il nuovo capitano (entrambi questi ultimi sono classe 1997). A loro si aggiungerà qualche altro straniero in prova in questo periodo. E Amoroso? Tempo fa sua papà aveva consigliato un altro anno in Primavera per crescere a Udine. Ma è un ’97 e le offerte non mancherebbero, vedremo. Intanto l’attaccante ha condiviso la sua ultima rete di campionato.

Per il resto la Primavera è sempre una squadra cantiere che ogni anno cambia volto. Normale che sia così, qui si lavora in virtù della prima squadra e quanto fatto in questi anni da Carnevale, Trevisan e Mattiussi con il suo staff è un lavoro eccellente. Mai come in questo ultimo periodo si sono affacciati ai professionisti tanti giovani, friulani e non, segno evidente che al di là di numeri e classifiche si sta seminando bene. Ora tocca al club però valorizzare definitivamente questi giovani, mentre a loro il compito di non perdersi alle prime difficoltà.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy