Udinese Primavera, via al tour de force finale

Udinese Primavera, via al tour de force finale

Da domenica (con l’Inter) a sabato prossimo quattro partite in sei giorni per l’Udinese di mister Mattiussi. Primo ostacolo i nerazzurri, con l’obiettivo di fargli lo sgambetto per i playoff

Commenta per primo!

Non c’è solo l’Udinese di De Canio a dover affrontare l’Inter nel fine settimana. A poche ore di distanza dal match di San Siro, infatti, a ‘Interello‘ va in scena la gara Primavera. Alle 11 di domenica, in diretta Tv, l’Udinese di mister Luca Mattiussi inizia un vero e proprio tour de force. Tre gare in quattro giorni, da domenica a mercoledì, questo il menù che è stato riservato ai ‘bianconerini‘ per il ponte del 25 aprile.

Dopo la sfida ai nerazzurri, l’Udinese sarà in scena lunedì a San Vito nel prestigioso Torneo Meneghel,  mentre mercoledì recupererà l’amichevole con la Rappresentativa Juniores del Friuli Vg che inizialmente doveva disputarsi martedì scorso, poi per motivi legati alla FIGC è stata posticipata.

Un bel calendario, non c’è che dire: che precede la sfida con gli altri nerazzurri, quelli dell’Atalanta, sabato 20 aprile. Gara questa che chiuderà la stagione in casa.

Una cosa per volta, comunque.  C’è qualche problemino in casa Udinese in vista della sfida con l’Inter: Coppolaro ha qualche problema muscolare e va valutato in prossimi giorni. Francescutti è squalificato, Serafin acciaccato. Difesa quando quasi obbligata con Joao, Maghzaui e Geromin.
Meno problemi in mezzo e in avanti: Pontisso, Halilovic, Magnino, Borgobello e Garmendia dovrebbero agire in mezzo, mentre davanti l’unico assente è Armenakas che sta recuperando dall’infortunio alla caviglia. In coppia quindi è possibile vedere  Prtajin e Amoroso.

Il calendario è durissimo, andiamo ad affrontare due squadre in lotta per i playoff (Inter e Atalanta, ndr), prima di chiudere col Brescia. L’Iiter a Salerno ha vinto 6-0 sbagliando anche due rigori, viene dalla vittoria in Coppa Italia, è in grande spolvero e vogliono le finali. Dobbiamo giocare una partita quasi perfetta, non bisogna sbagliare nulla. All’andata abbiamo giocato una grande gara, dobbiamo ripetere la partita di quella volta. Non sarà semplice, sono cresciuti rispetto ad allora, ma siamo in diretta televisiva e vogliamo fare bella figura“, afferma mister Mattiussi. Che sta caricando i suoi proprio per questi finale senza obiettivi, se non quello di dimostrare che la classifica che oggi ha l’Udinese è bugiarda.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy