A Torino l’Udinese perde tutto: gol, punti e Lasagna

A Torino l’Udinese perde tutto: gol, punti e Lasagna

Pomeriggio da dimenticare per i friulani che, dopo il vantaggio annullato dal Var, vengono superati dal Toro per 2-0. Grave infortunio per #KL15

di Castellini Barbara, @barchettazzurra

La strada per l’Europa si tinge di granata. L’atteso scontro diretto tra Torino e Udinese ha emesso un primissimo verdetto: gli uomini di Walter Mazzarri (oggi sostituito dal vice Frustalupi) hanno una chance in più conquistare un piazzamento in Europa League. Lo ha detto il campo dello stadio Olimpico dove oggi i padroni di casa si sono imposti per 2-0. Eppure per gli uomini di Massimo Oddo erano riusciti a portarsi in vantaggio con Antonin Barak al 16′, ma il Var ha detto no. O meglio l’arbitro Abisso, in evidente difficoltà oggi, ha negato la rete al centrocampista ceco. Da quel momento il Toro è riuscito prima a trovare l’1-0 con N’Koulou e poi a raddoppiare nella ripresa con Andrea Belotti. Aldilà dei punti persi – i granata avevano vinto anche all’andata -, il rammarico è tutto per l’infortunio occorso a Kevin Lasagna, che rischia di saltare diverse giornate di campionato. Davvero un pomeriggio da dimenticare per Behrami & co. Sabato con la Roma servirà uno spirito tutto diverso.

CRONACA. Senza Danilo (squalificato) e con Angella non in perfette condizioni (stato febbrile), Oddo schiera Stryger Larsen, Nuytinck e Samir in difesa. In mediana, Zampano vince il ballottaggio con Pezzella sulla sinistra, mentre in attacco confermato il tandem Lasagna-Maxi Lopez. Nell’undici di Mazzarri l’unica novità è rappresentata dall’inserimento di Obi al posto di Valdifiori. Dopo diverse settimane, poi, si rivede il tridente titolare con Iago Falque, Belotti (recuperato) e Niang. Passano solo cinque minuti e i padroni di casa sfiorano il vantaggio: Zampano commette fallo a pochi passi dall’area grande bianconera su Iago Falque che si incarica di battere la punizione. Nonostante la posizione molto defilata, l’ex Genoa lascia partire una bordata che si infrange sulla traversa. I padroni di casa continuano a spingere e al 9′ minuto sfiorano nuovamente la rete: questa volta è Burdisso, sempre da calcio da fermo, a tentare la deviazione nella porta bianconera che viene salvata da Lasagna. Dopo i brividi iniziali, i friulani reagiscono: al 16′ contropiede di Lasagna che conclude dal limite dell’area e colpisce la traversa. Sugli sviluppo lo stesso #KL15 prova a recuperare la sfera e N’Koulou in un maldestro tentativo di liberare l’area serve involontariamente Barak che trafigge Sirigu (0-1). Ma il direttore di gara Abisso chiede l’intervento del Var per una presunta posizione di fuorigioco di Maxi Lopez considerata influente. Dopo quattro minuti abbondanti l’arbitro palermitano annulla il vantaggio dei bianconeri, tra i volti sbigottiti dei protagonisti. Al 21′ Udinese ancora pericolosa con Lasagna, ma il Torino si chiude in extremis. Passano i minuti e dopo una fase senza grandi spunti, proprio allo scadere del primo tempo gli uomini di Mazzarri sfiorano il 2-0: prima Bizzarri intercetta un tentativo di pallonetto di Belotti, poi sugli sviluppi ci prova Niang con una conclusione dal vertice sinistro dell’area grande bianconera ma ancora una volta il portiere argentino si fa trovare pronto. Al 32′, però, sono i padroni di casa a passare in vantaggio: corner battuto dalla destra da Iago Falque e N’Koulou sfugge al controllo di Lasagna e Nuytinck deviando di testa in rete (1-0). In pieno recupero da segnalare anche l’inserimento a sorpresa di Behrami che di testa manda alto. Nella ripresa, al quinto minuto Lasagna confeziona un tiro-cross teso sul quale si avventa Sirigu, poi l’azione viene fermata da Abisso per fallo in area di Maxi Lopez. All’8′ Oddo è costretto a effettuare un cambio: fuori Lasagna per infortunio (tempi da valutare, ma è probabile più di un mese di stop), dentro Perica. Subito dopo Frustalupi richiama un centrocampista, Obi, per inserire un difensore, Moretti. E al 21′ il Toro raddoppio: azione solitaria di Belotti che va via sulla destra, Samir non lo ferma, interviene Nuytinck ma senza fortuna e il Gallo batte Bizzarri con un diagonale che si infila nell’angolo opposto (2-0). Successivamente entreranno anche De Paul e Ansaldi per, rispettivamente, Behrami e Niang. A dieci minuti dalla fine Oddo richiama Stryger Larsen per Hallfredsson. In pieno recupero ci provano sia Jankto che De Paul, ma questa partita non ha più nulla da dire.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy