Altrimenti i…conti non tornano

Altrimenti i…conti non tornano

A Milano, l’infortunio di Widmer sta cambiando i piani di Strama: un infortunio che non ci voleva e che, forse, doveva essere gestito meglio dopo quello subito in Svizzera. La sfiga ha un suo senso, ma forse il giocatore doveva riposare ancora in po’ prima di essere fatto abile dallo staff medico e, quindi, lanciato in campo col Chievo. Insomma Non sarà per questo che si è infortunato, ma forse non era al 100 per cento. E la cosa, ovviamente, preoccupa il tecnico che ha pochissime possibilità di vederlo abile.

Così anche nell’allenamento di ieri, mischiando le carte, ha fatto trapelare che a San Siro potrebbe varare un 4-4-1-1 magari cercando di mettere alcuni uomini giusti  sulle fasce, visto che è lì che il Milan sviluppa il suo gioco. Un azzardo di formazione potrebbe essere Karnezis tra i pali, ovviamente, poi Heurtaux risposato a destra con Danilo, Domizzi e Pasquale a completare il quartetto. Primis avanzato sulla destra, Pinzi, Badu e Alhassan in mezzo, Guilherme dietro a Totò. Insomma, tutto è in alto mare, è possibile che venga proposto anche più semplicemente un 4-3-2-1, con la difesa vista col Chievo, la mediana tipo con Badu, Allan e Pinzi e Guilherme accanto a Kone come trequrtista, tornando così a dare fiducia al brasiliano per quel ruolo.

Oggi, sotto gli occhi di Conte, i conti devono tornare: mancano due giorni alla sfida, per Strama è tempo di bilanci nel vedere chi sta meglio e, soprattutto, dove sta meglio. Altrimenti i conti non tornano.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy