Amoroso: Stagione difficile per l’Udinese

Amoroso: Stagione difficile per l’Udinese

“Forse i giocatori si sono rilassati troppo e nel calcio di oggi questo non è possibile”: lo ha detto Marcio Amoroso sulla stagione dell’Udinese. E sul figlio Giovanni: ” Parlando col presidente l’idea è quella di giocare ancora una stagione quest’anno con l’Udinese come fuoriquota”

Commenta per primo!

Amoroso nel cuore dei tifosi dell’Udinese e l’Udinese sempre nel cuore di Amoroso.  “Per i bianconeri è una stagione difficile – afferma il brasiliano a TMW -. Una squadra sempre abituata a fare buoni campionati e avere bilanci sempre in attivo. Dopo la vittoria contro la Juventus ci si aspettava un buon torneo. Forse i giocatori si sono rilassati troppo e nel calcio di oggi questo non è possibile perché a parte le grandi c’è molto equilibrio e basta poco a precipitare. Credo anche che l’arrivo di Colantuono abbia portato un modo diverso di giocare e qualcuno non si è adattato. A questo aggiungiamo la squadra ha avuto per anni Di Natale in grado di garantire tantissimi gol e quest’anno non è così“.

A Udine intanto sta crescendo Giovanni, suo figlio che in primavera si sta ritagliando un buono spazio al primo anno da tesserato: “Questo è il suo secondo anno all’Udinese, anche se per motivi burocratici il tesseramento è arrivato nel finale della prima stagione. Quest’anno ha avuto la possibilità di giocare e gli sta servendo molto come apprendistato. Ha lasciato il Brasile a 16 anni, persino prima di me e ha da imparare tantissime cose. L’esperienza all’estero è un bagaglio importantissimo e posso dirlo perché io a 18 anni andai in Giappone e mi servì tantissimo per la mia carriera. Parlando col presidente l’idea è quella di giocare ancora una stagione quest’anno con l’Udinese come fuoriquota, avrà un anno per imparare per lui. Gli servirà per conoscere meglio il calcio italiano come funziona. Non mancano comunque le possibilità in Europa e in Brasile“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy