Anche Heurtaux “sponsorizza” Delneri: “Deve rimanere qui”

Anche Heurtaux “sponsorizza” Delneri: “Deve rimanere qui”

Il difensore francese, protagonista di un divertente show-cooking a Goal a Grappoli, ha parlato del momento che sta attraversando il team friulano: “Dopo tre anni di difficoltà, ore le cose stanno girando bene”

La gara con il Bologna si avvicina e l’Udinese è tutt’altro che “cotta”. La formazione di Gigi Delneri, infatti, ha saputo rialzare la testa prontamente dopo il ko a Napoli, vincendo la sfida interna con il Cagliari ed evidenziando così la buona condizione generale della squadra. Sensazioni che sono state confermate ieri sera ha Thomas Heurtaux, protagonista di un divertente show-cooking a Cormons (in provincia di Gorizia) assieme allo chef Massimo De Belli, nel corso della kermesse gastronomica-sportiva Goal a Grappoli.

Sulla prossima sfida al Dall’Ara, il difensore francese sottolinea: “Nessuna partita in serie A è facile. Sarà una gara complicata domenica a Bologna, però stiamo Goal a Grappoli Heurtuax De Belli 2facendo bene, il gruppo lavorando molto bene, il mister anche, quindi andremo al Dall’Ara con l’intento di portare a casa punti“. Sempre “caldo” in casa bianconera è il tema legato alla panchina 2017-2018. Sarà ancora Delneri l’allenatore delle zebrette”. Heurtaux non ha dubbi: “E’ molto bravo, deve rimanere a Udine, perchè sta facendo veramente bene“. Con un decimo posto ancora da centrare, ma una salvezza ipotecata da tempo, l’Udinese può pensare seriamente al futuro. “Dobbiamo ripartire dalla continuità che abbiamo ritrovato in queste ultime settimane – le parole del difensore ex Caen -. La squadra sta giocando bene e sta raccogliendo punti importanti. Rispetto gli anni precedenti, le cose stanno girando bene. Negli ultimi due, tre anni abbiamo fatto molta fatica. Spesso abbiamo ottenuto dei risultati inferiori alle nostre prestazioni. In questo periodo, invece, tutto sta girando bene. Questa è la strada giusta. Il mister sta facendo un grande lavoro. Da qui dobbiamo ripartire per le ultime gare che restano”. Il bilancio personale del giocatore, però, è deficitario: soltanto 7 presenze, a cinque giornate dal termine del campionato. Ma Thomas glissa elegantemente: “Io oggi parlo solo del gruppo, della squadra. L’importante è l’Udinese. Negli ultimi anni, ripeto, non siamo stati all’altezza, ora dunque ciò che conta è fare bene come squadra“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy