Armero arrestato negli Stati Uniti

Armero arrestato negli Stati Uniti

Pablo Armero è stato fermato dalla polizia di Miami all’Hotel Metropolitan dopo una serie di segnalazioni dai vicini che avevano sentito grida dalla stanza del calciatore. Secondo il primo racconto fornito dalla moglie, Armero l’avrebbe costretta a tagliarsi i capelli

Commenta per primo!

Non c’è pace per Pablo Armero.  Il terzino sinistro dell’Udinese è stato arrestato martedì 31, negli Stati Uniti con l’accusa di violenza domestica.

La foto di armero dopo l'arresto diffusa dalla CBS
La foto di Armero dopo l’arresto diffusa dalla CBS

Armero è stato arrestato in un albergo di Miami. La polizia sarebbe intervenuta dopo diverse lamentele pervenute riguardo la camera che ospitava il giocatore. Quando sono arrivati, gli agenti avrebbero trovato Maria Bazan  (la compagna e madre dei suoi due figli) piangere con i capelli tagliati in modo significativo. Secondo la versione della donna, entrambi erano usciti per una notte fuori, ma quando sono tornati in albergo le cose sono peggiorate drasticamente. Avrebbe detto che Armero è ‘diventato violento’ dopo che lei ha negato un rapporto sessuale, per questo avrebbe iniziato a tagliarle i capelli forzatamente. Nella versione di Armero, invece,  la moglie gli avrebbe chiesto di tagliarli spontaneamente.

La notizia del suo arresto ha sorpreso tutti ed è arrivata nella notte in Italia dove l’Udinese si sveglierà con una nuova gatta da pelare. Dopo il fatto, Armero è stato trasferito in un centro correzionale di Miami, dove attenderà la decisione del giudice.

Armero non è nuovo a problemi con la moglie. Nel 2013  il giocatore  è stato beccato da moglie, suocero e purtroppo anche dai figli in compagnia di due garotas de programma, due squillo. Secondo  il Diario de Sao Paulo, la signora Armero deve essere rientrata a casa prima del previsto e la scena che si è trovata davanti è stata ben diverse dalle tenere atmosfere da Mulino Bianco. Esattamente come la reazione della signora Maria. Tanto che i vicini di casa hanno dovuto chiamare la polizia preoccupati dalle urla.

Nel 2011, a Udine, Armero fu fermato dalla polizia mentre guidava zigzagando la sua vettura. Oltre a rifiutare l’etilometro, mostrò anche una patente falsa. Anche in quell’occasione, al suo fianco non c’era la moglie ma una ventenne romena.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy