Balic: “Felice di poter imparare da Di Natale”

Balic: “Felice di poter imparare da Di Natale”

Il croato Balic è oramai da tre settimane a Udine. “Quando sono arrivato all’Udinese, ero consapevole del fatto che il club ha come primo obiettivo la permanenza in Serie A, – ha dichiarato il centrocampista a Goal.com – che nelle scelte del mister verranno prima i giocatori più esperti e anziani”

Commenta per primo!

E’ stato uno degli acquisti in prospettiva più importanti del mercato di gennaio. Andrjia Balic è arrivato all’Udinese, che è stata preferita a grossi club europei, tra i quali Roma e Valencia. “Quando sono arrivato all’Udinese, ero consapevole del fatto che il club ha come primo obiettivo la permanenza in Serie A, – ha dichiarato il centrocampista a Goal.com – che nelle scelte del mister verranno prima i giocatori più esperti e anziani, e che dovrò pazientare per avere un’occasione. Mi alleno duramente, studio, e utilizzo il tempo per ambientarmi, che non è semplice”.

Intanto impara da Di Natale i segreti del mestiere: “Sono felice di poter imparare da un giocatore così importante come Di Natale – ha aggiunto Balic – mi dispiace non riuscire a parlare ancora bene l’italiano per poter comunicare di più con lui, ma mi aiuta molto, dandomi dei suggerimenti, così come gli altri compagni di squadra più esperti. Di Natale è una bella persona, un capitano vero, e mi incoraggia sempre”.

Sul calcio italiano, come tutti gli stranieri è affascinato da un particolare: “Ciò che mi ha affascinato  è l’attenzione per la tattica, che in Italia si cura molto, ogni giocatore ha il suo ruolo definito in campo e non ci sono possibilità che qualcuno sgarri. La grande differenza sta nell’organizzazione dei club, nel numero degli allenatori e di coloro che si occupano di noi giocatori. Basti dire che per la Prima squadra dell’Udinese ci sono 12 fisioterapisti…Ora io voglio adattarmi il più presto possibile, – ha concluso Balic – e imparare bene la lingua, che è una cosa molto importante. Anche se il nostro è uno spogliatoio dove ci sono molti stranieri”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy