Campioni del Mondo divisi sull’utilizzo di Di Natale

Campioni del Mondo divisi sull’utilizzo di Di Natale

il ‘Barone’ Franco Causio ha ribadito le sue idee riguardo la situazione che sta vivendo l’Udinese: “Sono sempre dell’avviso che quando non arrivano i risultati le responsabilità sono di tutte le componenti: società, allenatore, squadra. L’Udinese qualcosa in più quest’anno poteva fare, in certi momenti al tecnico è mancata un po’ di esperienza, ma come ha detto Pozzo aspettiamo queste ultime otto gare prima di tirare le somme”, ha affermato al Messaggero Veneto. 10-Franco CAUSIO Panini Italie 1982Sulla questione si è espresso anche Fulvio Collovati: “A Udine non è facile avere gli stimoli sempre a mille. La squadra si è un po’ seduta e forse l’allenatore non è stato capace di trovare le corde giuste, ma non ne farei un dramma”. fulvio-collovatiI due ex azzurri campioni del non, hanno detto la loro anche su Di Natale e le difficoltà a farlo convivere con un compagno di reparto: “Mica vero che Totò soffre la presenza di un partner -afferma Causio -. Assieme a Sanchez ha fatto sfracelli, anche con Iaquinta formava una grande coppia. Il discorso è diverso e riguarda la gestione delle sue energie: Di Natale non ha la freschezza di un tempo e quindi va gestito dall’allenatore in base al momento di forma”. “Se hai a disposizione un giocatore come Di Natale, ancora cecchino infallibile in area di rigore, devi sfruttarlo per quelle che sono le sue caratteristiche e quindi evitare di schierare gente che gli tolga spazio creandogli le condizioni migliori per colpire – replica Collovati -.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy