Colantuono: “Cerchiamo la continuità di rendimento”

Colantuono: “Cerchiamo la continuità di rendimento”

Mister Colantuono presenta la prossima sfida che attende la sua Udinese: “vogliamo dare continuità di prestazione, come dopo Bologna e che si era interrotta dopo l’Atalanta”, afferma il tecnico che elogia anche l’Empoli. Balic verrà convocato, al pari di Di Natale. Sul turnover poche indicazioni

Commenta per primo!

E’ già tempo di Empoli per l’Udinese di Stefano Colantuono. Dopo il pari interno con la Lazio che ha interrotto la serie nera di tre sconfitte, ecco che i bianconeri vanno in scena al “Castellani” contro la squadra di Giampaolo, rivelazione del campionato: “C’è da dire che dal punto di vista della crescita del gioco, da Bologna in poi abbiamo dato continuità, anche se c’è stata qualche battuta d’arresto come con l’Inter o il Napoli, ma questi erano avversari onestamente più bravi – afferma il tecnico -. Il discorso, invece, si è interrotto dopo l’Atalanta: domenica abbiamo ritrovato il discorso, parò mi aspetto che questa gara venga giocata con la giusta attenzione che porta a fare risultato. Abbiamo dimostrato di saper giocare, se siamo concentrati. Vorrei che ora si riuscisse a dare solidità, senza alternare la prestazione da una giornata all’altra”

Previsto turnover a Empoli: “Balic lo valuterò oggi, certamente lo convoco. E’ uno molto forte, viene da un campionato fermo, per cui verificherò le sue condizioni, ma si aggregherà al gruppo: prima respira la nostra aria meglio è, anche per favorire l’inserimento linguistico. Sul turnover dico che vedremo chi sarà chiamato in causa, qualcosa ci sarà. In difesa è più naturale Felipe centrale che Heurtaux che ha giocato sempre da esterno, poi vediamo in corsa: magari ci si può mettere anche a quattro dietro. Di Natale? Sarà certamente convocato. Guilherme? Come Zapata fa parte della rosa, se non giocano quando fanno minutaggio? Solo che ora c’è un infrasettimanale per cui ci sono da fare anche discorsi di un certo tipo. Hallfredsson? Come condizione può giocare, a livello tattico non cambia nulla visto che il Verona in mezzo giocava a tre, credo sia pronto a tutti gli effetti”.

Sulla concorrenza interna commenta che “non è cambiato nulla: sono andati via Marquino, Iturra e Kone e sono arrivati tre altri elementi, così come davanti è uscito Aguirre ed è arrivato Matos

Sull’andata ricorda che “non era finita proprio male, vi consiglio di vederla di nuovo quella gara. Saponara ha fatto due giocate, la partita è stata strana, avevamo approcciato bene. Certo che Saponara merita tutta l’attenzione possibile, ha accelerazioni improvvise, è da grande club: solo che noi gli abbiamo concesso un paio di occasioni all’andata. Ma tutto l’Empoli sta facendo un bel campionato, è una squadra con giocatori sempre sul pezzo, ci sono giocatori importanti“.

Infine una battuta su Danilo: “Doveva stare più attento non tanto sul secondo giallo, ma più che altro sul primo. Non dobbiamo cadere in queste cose, prendendo ammonizioni per cose del genere, ma il discorso vale anche per Thereau che ha avuto una piccola polemica in campo: meglio non cadere in provocazioni perché se poi finisci in dieci non è facile portare a casa il risultato“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy