Colantuono: Dobbiamo ripartire, siamo tornati indietro

Colantuono: Dobbiamo ripartire, siamo tornati indietro

Stefano Colantuono non cerca alibi: serve resettare tutto e ripartire. E la squadra andrà in ritiro

Commenta per primo!

Stefano Colantuono analizza la sconfitta senza scusanti della sua Udinese a Palermo, la terza di fila. “Da questa situazione si esce solo lavorando. Peccato, perché nonostante le traversie dell’andata, avevamo fatto bene per alcune partite. Non vorrei che esserci proiettati nella sinistra della classifica ci abbia fatto credere che i problemi fossero passati. Oggi la partita è stata strana, non si possono prendere due gol in contropiede. Abbiamo avuto anche le occasioni per riaprirla, ma al di là di questo dobbiamo resettare: il campionato è lungo e la salvezza va conquistata matematicamente. La società poi vuole il massimo e  questo significa giocare in una certa maniera da qui a maggio. Dobbiamo fare di più e lavorare. Non possiamo scioglierci non appena andati in svantaggio. Credo che andremo in ritiro, la società lo aveva comunicato“.

Poi analizza ancora la partita : “Oggi abbiamo messo per tre volte un giocatore davanti alla porta. Poi forse c’era  un rigore su Badu, ma oggi analizzare una cosa più che un’altra non serve: serve rimetterci in moto presto, la classifica lascia un margine di sicurezza, per cui dobbiamo tornare a fare punti presto. Siamo tornati indietro e dobbiamo ripartire

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy