Come volevasi dimostrare….

Come volevasi dimostrare….

Tutto come previsto. L’Udinese perde all’Olimpico contro una squadra decisamente più forte. Come previsto l’Udinese pensa soprattutto a non prenderle come fatto anche a Torino contro la Juve, ma alla fine capitola, anzi va ko dopo 3’ minuti appena: troppo marcato il divario tecnico, ma troppo poco anche quello visto in campo per pensare di poter fare meglio. Remissività, paura, forse anche un pizzico di rassegnazione iniziale, sono state le compagne di viaggio nella Capitale.

Colantuono ha cambiato qualcosa in vista del Sassuolo, altra gara chiave in casa che non si può sbagliare: il ciclo di ferro che comprenderà anche il Napoli, infatti, rischia di rispedire in basso i bianconeri, per cui la partita con la Roma pare sia stata vista come una possibilità, non dei certo come una tappa definitiva.

Giusto o sbagliato che sia questo atteggiamento, rimane poco altro da aggiungere.

Questa Udinese è stata costruita per salvarsi e così farà: non appare di certo matura per scrollarsi di dosso quell’alone di ‹ provinciale › che si è ricucita addosso da sola.

Il suo gioco è la dimostrazione di questo: il ‹ primo non prenderle › non è di certo un delitto, ma a forza di applicarlo ci si dimentica che per ottenere di più serve anche osare e immancabilmente le si prende. La Roma non era un ostacolo facile, ma proprio perché tanto non c’era molto altro da perdere, si poteva provare qualcosa di più. Forse. Forse è giusto pensare da adesso al Sassuolo, dove la gara sarà senz’altro diversa. (Foto Zimbio)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy