Crolla l’imbattibilità del Friuli: la Roma passa con Under e Perotti

Crolla l’imbattibilità del Friuli: la Roma passa con Under e Perotti

A distanza di quasi tre mesi, l’Udinese cade tra le mura amiche dopo aver tenuto testa alla formazione giallorossa per un’ora: secondo ko consecutivo

di Castellini Barbara, @barchettazzurra

Violato il fortino friulano. A distanza di quasi tre mesi dall’ultimo ko interno (il 26 novembre il Napoli si impose per 0-1), l’Udinese si è dovuta arrendere oggi pomeriggio dinanzi alla Roma, dopo aver retto il confronto per sessanta minuti. Due disattenzioni in difesa sono costate caro ai bianconeri, autori di alcuni errori sottorete davvero imperdonabili. Non hanno perdonato, invece, Cengiz Under e Diego Perotti bravi a sfruttare le occasioni capitate rispettivamente al 25′ e al 46′ della ripresa. Nonostante il divario tecnico evidente, resta il rammarico in casa bianconera per non essere riusciti a conquistare un punto che era sicuramente alla portata. Ma l’assenza di Kevin Lasagna sta creando non pochi problemi a Massimo Oddo: per ritrovare il gol servono nuove soluzioni. Sarebbe un peccato rovinare in poche giornate quanto di buono è stato fatto finora.

CRONACA. Senza Hallfredsson e Lasagna, fuori causa per infortunio, ma con Adnan recuperato mister Oddo schiera un 3-5-2 con Danilo nuovamente al centro della difesa (dopo aver scontato la squalifica contro il Torino), Fofana nuovamente dal primo minuto in mediana e in attacco la coppia De Paul-Perica. Mister Di Francesco risponde con un 4-3-2-1 con Nainggolan ed El Shaarawy alle spalle di Dzeko. Partenza subito aggressiva della Roma che dopo sei minuti di gioco si rende pericolosa con El Shaarawy che serve Under in area: la conclusione del centrocampista turco viene deviata in corner. Al settimo arriva la replica dell’Udinese con Perica che scatta in contropiede, bruciando Juan Jesus, e costringe Allison a uscire dai pali. Al 19′ Bizzarri viene chiamato in causa da Under, che lascia partire un tiro-cross dalla destra annullato dal portiere argentino. Cinque minuti più tardi è ancora la formazione di Di Francesco a spingere sulll’acceleratore. Azione innescata da Florenzi, che serve Under in area, il turco riceve e scarica un sinistro sul primo palo che viene deviato in volo da Bizzarri. Al 29′ lo stadio Friuli si “scalda” con una gran botta da fuori area di Fofana che finisce di poco alta sopra l’incrocio alla destra di Allison. Al 30′ ci prova anche Barak ma la sfera si perde sul fondo. Due minuti dopo l’Udinese conquista una punizione dalla trequarti: De Paul si incarica di batterla, il pallone viene intercettato di testa da Danilo ma Allison para senza difficoltà. Le squadre tengono alti i ritmi, dando la sensazione che il risultato possa mutare da un momento all’altro. Aumenta anche l’aggressività in campo, ma Di Bello non sembra intenzionato a sanzionare gli interventi “ruvidi”. A un minuto dall’intervallo, Fofana serve Perica ma Fazio intuisce tutto ed evita che il croato si porti a tu per tu con Allison. Nella ripresa, al 7′ si registra un’importante occasione per l’Udinese: rimessa laterale battuta velocemente da De Paul per Perica che si inserisce in area giallorossa, ma attende troppo prima di concludere favorendo l’intervento di Allison. Al 16′ Oddo effettua il primo cambio della gara: fuori Behrami, dentro Jankto con il conseguente accentramento di Barak. Otto minuti dopo Di Francesco richiama El Shaarawy e inserisce Perotti. Al 25′ la Roma passa in vantaggio: suggerimento di De Rossi per Under che, da appena dentro l’area, lascia partire un diagonale rasoterra sul secondo palo sul quale Bizzarri non riesce a intervenire (0-1). Tra il 32′ e il 34′ Oddo esaurisce i cambi inserendo Maxi Lopez e Balic per, rispettivamente, Perica e Adnan. In mezzo segnaliamo un’occasione Perica non sfruttata a dovere. Al 42′ Defrel rileva Under. Proprio il neo-entrato serve Nainggolan che a sua volta libera Perotti: il destro dell’argentino mette ko Bizzarri (0-2) e di fatto chiude l’incontro. Nei quattro minuti di recupero l’Udinese prova a dimezzare il passivo ma senza successo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy