Dacia e l’Udinese per le famiglie

Dacia e l’Udinese per le famiglie

Iniziativa dell’Udinese e dello Sponsor Dacia rivolta alle famiglie con l’intento di riportarle allo stadio

Commenta per primo!

E’ stata presentata l’Iniziativa “Family poject” della Dacia, con l’intento dichiarato di far tornare le famiglie allo stadio. La volontà è quella di agevolare le giovani coppie che vogliono andare allo stadio, ma stanno mettendo su famiglia con le ovvie difficoltà economiche che questo passo comporta.

L’Udinese e lo sponsor Dacia hanno deciso, quindi, di promuovere dal 18 febbraio al 15 marzo, per tutte le coppie in attesa di un bambino, un’iniziativa dove  potranno raccontare la loro storia, le emozioni vissute,  sul sito www.daciafamilyproject.it. Gli autori delle storie più originali potranno usufruire di un biglietto ‘di coppia’ per Udinese-Napoli del 3 aprile prossimo e soprattutto di un abbonamento family per 4 persone, per seguire in casa l’Udinese in una stagione a scelta tra le prossime tre. Sarà loro dedicata anche una visita allo Stadio Friuli- Dacia Arena. Il progetto è di caratura nazionale: in questo caso il premio sarà un biglietto di coppia per seguire in trasferta, dagli spalti della Dacia Arena, squadra del cuore.

Come stanno vivendo le future mamme e i futuri papà l’entusiasmo di questa nuova esperienza? Quali sono le loro speranze ed i progetti? Com’è nata la scelta di creare una famiglia e come stanno cambiando i ritmi, lo stile di vita e l’organizzazione della giornata? Come fare per non rinunciare, tra le mille nuove esigenze, alle proprie passioni ed interessi, come il calcio e la squadra del cuore?  Questi i quesiti promossi ai quali le giovani coppie dovranno rispondere.

A presenziare all’iniziativa anche Domizzi e Badu: “Io ricordo la prima volta allo stadio – ricorda Domizzi: era la partita di addio di Roberto Pruzzo alla Roma. Il contesto era diverso, come pure la cornice di pubblico. Le televisioni hanno tolto un pizzico di magia nell’atmosfera, anche se la passione rimane al primo posto rispetto a qualsiasi altro tipo di hobby”.

Infine ha preso la parola anche il presidente Soldati che è tornato sulla questione del nome: “Il nome rimane ‘Friuli’, Dacia è lo sponsor. Mi sembra che qualcuno abbia creato ad hoc un problema che non esiste. I problemi sono ben altri, il Consiglio comunale dovrebbe preoccuparsi di altre tematiche. Il fatto di aver associato il nome dello stadio alla sponsorizzazione della Dacia non può fare tanto scalpore: vediamo di risolvere i  problemi che ci sono in città”.

Ha collaborato Giacomo Angelin

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy