D’Agostino: Sanchez? Arrivò un nano secco ma in allenamento vedemmo un talento unico

D’Agostino: Sanchez? Arrivò un nano secco ma in allenamento vedemmo un talento unico

Da lì è diventato un giocatore fantastico, uno dei migliori nel mondo

Commenta per primo!

Gaetano D’Agostino a TMW ha raccontato la crescita di Sanchez:  “Quando è arrivato a Udine eravamo già in ritiro. Arrivò un nano secco ma in allenamento vedemmo un talento unico. Aveva un difetto: preferiva fornire assist e dribblare ma gli mancava il gol. Parlandoci durante il ritiro gli dissi ‘se vuoi andare al Barcellona, nel calcio moderno devi fare gol. Uno che non fa gol resta un talento ma devi fare minimo 7-8 gol a campionato’. Avendo fame di arrivare, cominciò anche a muoversi anche senza palla”.

Così il Nino è diventato grande“Da lì è diventato un giocatore fantastico, uno dei migliori nel mondo. Come lui, con quelle caratteristiche, non ci sono. Il Barça ha dato via Sanchez per prendere Neymar ma credo che il Nino, anche a livello difensivo, come aiuto di squadra, sia migliore insieme ad Hazard. Escludendo Messi che è il migliore del mondo…”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy