De Canio e i debutti eccellenti. Oggi a chi toccherà?

De Canio e i debutti eccellenti. Oggi a chi toccherà?

Pinzi, Warley, Iaquinta, Margotta, Appiah sono tutti giocatori che hanno debuttato con De Canio: oggi potrebbe toccare a Balic o Coppolaro. Di certo i giovani non sono trascurati

Commenta per primo!

Gigi De Canio nella sua prima avventura a Udine ha lanciato giovani che oggi conosciamo tutti: primo della lista Giampiero Pinzi che con il tecnico lucano ha debuttato in Europa League contro il Polonia Varsavia (2-0 per i bianconeri) a 19 anni 6 mesi e 15 giorni.
In quella stessa stagione, am contro lo Slavia Praga, è sceso in campo per la prima volta  a 19 anni, 2 mesi e 5 giorni Stephen Appiah.

Altro nome di successo è quello di Marco Zanchi che il suo debutto con la maglia dell’Udinese grazie al tecnico lucano è avvenuto a 22 anni e 5 mesi contro l’Aalborg.

In campionato con De Canio hanno fatto il lo debutto  anche Vincenzo Iaquinta (20 anni) e Massimo Margotta (22).

Ma nell’anno e mezzo in cui De Canio ha allenato l’Udinese ha lanciato anche altri giocatori, come Warley, Sosa, Zamboni, Helguera, Cristian Diaz e Alberto.

Altri tempi, altri giocatori. Oggi però De Canio non ha di certo perso la voglia stuzzicante di provare qualche giovane. E, anche se l’Udinese che deve raggiungere la salvezza deve trovare una sua fisionomia con 14-15 elementi, questo non toglie che i numerosi altri giocatori della rosa devono farsi trovare pronti. E tra i giovani in rampo e che potrebbero risultare utili nello sprint finale ci sono Mauro Coppoalro (valida alternativa a un difensore centrale) e Andrja Balic che sta prendendo confidenza anche col ruolo di mezzala.

Proprio la stellina croata potrebbe essere un ‘jolly’ da usare: ha un piede fatato, velocizza l’azione come pochi, ha tiro dalla distanza e quella sfrontatezza che nasce dall’età. Titolare no (a meno di necessità), ma a gara in corso, vista la condizione generale in mezzo, potrebbe essere utile.
In mezzo c’è, ovviamente, anche Simone Pontisso pronto a dire la sua in caso di chiamata.

Senza dimenticare il (ri)lancio di Stipe Perica che dopo Palermo era stato accantonato da Colantuono.

Purtroppo l’amichevole contro l’Istria non potrà vedere tutti presenti per provare qualche novità. Ma una cosa è certa: De Canio non è uno che si tira indietro se deve lanciare qualche giovane. Lo confermano i dati della sua prima esperienza friulana.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy