De Canio: vietato ripetere gli errori con il Toro

De Canio: vietato ripetere gli errori con il Toro

A due giorni dalla sfida con l’Atalanta, il tecnico bianconero ha sottolineato: “L’Udinese vera non è quella di sabato scorso, le precedenti sei prestazioni parlano di una squadra diversa”. Widmer recuperato

Anti-vigilia tesissima in casa bianconera. L’indecente ko interno con il Torino di sei giorni non solo ha lasciato un segno nel cammino dell’Udinese verso la salvezza, ma ha compromesso in modo preoccupante la classifica dei bianconeri. Domenica alle 15 il team di Gigi De Canio avrà a disposizione il primo match-ball per uscire da questa complicata situazione, per evitare di giocarsi ogni residua speranza sei giorni dopo in casa con il Carpi. “Cancellare la gara con il Torino”, è il must di De Canio.

Mister, ciò che è accaduto sabato è piuttosto preoccupante…

E’ un elemento di grande riflessione, che ha indotto tutti noi a non abbassare la guardia e a tenere un livello di attenzione più elevato per la prossima gara.

Non c’è il rischio che la sconfitta con il Torino lasci alcune scorie?

Non penso. Da quando sono qui ho visto sei gare completamente diverse. Non penso che l’Udinese vera sia quella della settima partita. Se la squadra fosse quella con il Torino saremmo in una situazione ben peggiore. Se un pensiero ci può essere, è quello di non ricadere nelle stesso errore.

A Bergamo sarà una gara delicata. E’ riuscito a preparare la squadra a livello psicologico in caso andaste sotto?

Non ci penso proprio ad andare sotto. Cercheremo di affrontare tutte le situazioni.

All’interno dello spogliatoio che aria si respira? C’è paura?

Paura no, squadra molto dispiaciuta, rammaricata, consapevole della bruttissima prestazione offerta. C’è un’ammissione di responsabilità, e questo ha portato la squadra ad avere livelli di attenzione alti. Abbiamo lavorato bene in settimana, lavorando su tutti gli aspetti.

C’è la possibilità di vedere in campo Domizzi e Pasquale? E Widmer come sta?

Domizzi e Pasquale insieme no, perchè entrambi non hanno i novanta minuti. Widmer? Abbiamo ancora due giorni a disposizione, comunque lo considero recuperabile.

Domenica gli occhi saranno in campo e le orecchie a Firenze?

Abbiamo un vantaggio in classifica. Siamo arbitri del nostro destino. Pensiamo a noi, a fare bene ciò che di solito abbiamo fatto bene.

E’ possibile vedere Piris al posto di Felipe?

Siccome non siamo proprio così scarsi e quando abbiamo palla dobbiamo provare a giocare. Un difensore mancino nella zona mancina può aiutare. Il possesso di palla è una fase del gioco molto importante.

La gara con il Toro è dovuta anche ad alcune prestazioni dei singoli non all’altezza?

E’ stata una gara così brutta che non alibi da trovare. Come allenatore mi chiedo cosa sia successo, per capire da dove nascano certi errori. Ma non ci sono giustificazioni da esternare. Noi siamo arrivati alla sfida con il Torino dopo tre buone gare a livello di prestazione e pensavamo di ripeterci. Non abbiamo perso per un errore o perchè qualcosa è venuto meno. Ho ragione di credere che domenica a Bergamo ci sarà una risposta diversa.

Una delle preoccupazioni che emergono dall’ambiente è che sia difficile trovare giocatori sui quali affidarsi, considerando che questa squadra è anche priva del suo capitano naturale. Su chi conterà maggiormente in una gara così importante come quella di domenica?

Mi fido della squadra, di tutti quelli che ci sono.

Infine, domenica ci saranno oltre mille tifosi in trasferta…

Non posso dire nulla… Sabato i tifosi sono stati encomiabili e noi li abbiamo ripagati con una prestazione assurda… Posso solo dire che si conferma la perfetta simbiosi tra la squadra e il pubblico.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy