Del Neri commemora De Bernardi: “Con lui vera amicizia”

Del Neri commemora De Bernardi: “Con lui vera amicizia”

Commenta per primo!

Ci sarà anche Gigi Delneri a Borsano per ricordare Carluccio De Bernardi, scomparso l’11 settembre del 2009 a soli 56 anni. Delneri e De Bernardi sono stati compagni di squadra all’Udinese nella stagione 1978-79, quella della promozione dei friulani in Serie A. img_1269_500«Con “Debe” c’era un rapporto di amicizia che andava al di là del fatto di essere compagni di squadra. Quell’Udinese era un gruppo davvero straordinario, irripetibile», ha affermato Del Neri a La Provincia Pavese. «Carlo era allegro, simpatico, ma anche tenace, serio, professionale. Era un giocatore di indubbie qualità, garantiva sempre un rendimento molto alto. Conserviamo tutti un ottimo ricordo di lui, tant’è che a Busto non verrò da solo, ma con altri ex compagni di squadra come Fellet, Fanesi e forse Nerio Ulivieri»

Quell’Udinese è rimasta nel cuore di tutti i tifosi friulani.  «Sembravamo nati per giocare assieme – ricorda Delneri – , sia a livello tecnico che caratteriale. Dodici ragazzi sposati che si ritrovavano insieme due volte alla settimana, con le mogli al seguito: oggi sarebbe quasi impensabile. Più che compagni di squadra, eravamo amici di famiglia. Che la domenica andavano a giocare a calcio. L’amicizia facilitava il raggiungimento dei risultati. Quell’Udinese era un’orchestra, magistralmente diretta da Giacomini e da dirigenti capaci come Sanson e Dal Cin. Oggi è molto più complicato creare alchimie così perfette. I giocatori vivono sparpagliati, i gruppi sono eterogenei, con giocatori di tante nazionalità diverse. No, non penso possano ripetersi esperienze analoghe. Come è difficile che nasca un’altra squadra come il mio Chievo. Sono miracoli calcistici».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy