Delneri: serata migliore non poteva esserci

Delneri: serata migliore non poteva esserci

Il tecnico bianconero analizza la vittoria contro il Bologna: “La squadra ha fatto una buona gara, quando crei tanto primo o poi il gol lo trovi”. Adesso la classifica torna a sorridere ai friulani: “Diciotto punti non sono pochi in questo momento”

Una vittoria attesa 93 minuti. Ci è voluto tanto all’Udinese per riuscire a violare la porta del Bologna, difesa da un (quasi) insuperabile Mirante. Dopo una prova di grande caparbietà, ma anche di tante occasioni sprecate sottoporta, la formazione di Gigi Delneri proprio allo scadere è riuscita a trovare la rete della vittoria, firmata da Danilo. Un’iniezione di fiducia importante dopo le sconfitte con Napoli e Cagliari. Ecco l’analisi di Delneri in sala stampa.

Mister, sembrava quasi una partita “maledetta”…

La squadra ha avuto un atteggiamento positivo, ha cercato di proporre. Abbiamo sofferto un po’ nel finale. Abbiamo sbagliato molto davanti, ma è importante provarci perchè prima o poi un’azione può essere finalizzata.

Fofana è stato l’uomo-chiave per i suoi inserimenti?

Abbiamo un lato del campo in cui siamo più vulnerabili. Quello di Fofana non è un ruolo fisso. Forse Kums rende meglio sopra che sotto, deve avere libertà di giocare, quando riuscirà a compiere azioni da solo come faceva in Belgio sarà un giocatore completo. Mentre Hallfredsson ha più capacità di recuperare palloni.

Dopo l’intervallo l’Udinese ha sbagliato un po’ troppo…

Credo che la squadra abbia sentito un po’ la stanchezza nel finale. Non è facile affrontare il Bologna, non concedere nulla agli avversari è la cosa più importante. In dieci siamo stati troppo frenetici, invece quando sei in superiorità devi far girare ancora di più la palla. Abbiamo atteso tanto quel gol che è arrivato al 93′ gol a firma del capitano, forse è così che l’Udinese doveva festeggiare i 120 anni, serata migliore non poteva esserci.

Ma tutti gli errori in attacco come li spiega?

Bisogna essere più freddi. Noi abbiamo ragazzi che per la prima volta si trovano ad avere otto palle-gol in una giornata. Abbiamo qualità importanti, ma siamo ancora inespressi. De Paul per esempio ha fatto un lavoro fisico importante. La squadra in generale ha fatto una buona partita. Sette giorni non ci bastano per fare tutto. Questo risultato, però, ci dà morale in questo momento. Diciotto punti non sono pochi. Abbiamo avuto la giusta pazienza, la squadra ha tenuto il pallino del gioco in mano. Ho visto grande serenità di giocate, far girare la palla è un fattore importante di movimento.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy