Delneri: “Verranno qui a giocarsi la partita”

Delneri: “Verranno qui a giocarsi la partita”

“Udinese e Crotone attraversano un buon periodo. Il Crotone ha trovato l’assetto giusto”

Commenta per primo!

Gigi Delneri sa bene che ilm rischio più grosso per la sua Udinese è quello di sottovalutare il Crotone e abbassare la guardia. “Udinese e Crotone attraversano un buon periodo. Il Crotone ha trovato l’assetto giusto e sarà una gara complicata. Hanno giocatori che hanno esperienza come Rosi e Palladino: verranno qui a giocarsi la partita, questo è certo“.

Messi i puntini sulle ‘i’ ecco i primi problemi come l’assenza di Danilo:  “Dovremo essere bravi a sostituirlo. Finora ha fatto un ottimo campionato. Wague e Angella si giocheranno il suo posto. Altri cambi? In difesa non li faccio mai. Chi gioca lì è consolidato. Tutti hanno un ruolo preciso. I cambi servono dove si può cambiare la partita, quindi non in difesa. Badu in avanti sulla fascia? Lui non è mai stato inserito  nel trio offensivo, semmai in quello difensivo. Lui ha dato una mano su Gomez, ma la sua partita vera l’ha fatta bene da mediano e da centrale”.

Vincere è comunque un obbligo per fare il famoso salto di qualità:  “Lo si deve fare sul campo, non a parole. Dobbiamo avere la nostra mentalità di gioco. Credo che l’Udinese sia in grado di combattere con tutti mostrando le qualità mostrate fono ad oggi. Contiamo di continuare con questo passo. Sappiamo le nostre qualità e quelle del Crotone. Qui però abbiamo un pubblico importante, per il quale daremo il massimo e che ci sosterrà come sempre. In campo ce la giocheremo.  Per quel che mi riguarda sono tranquillo, ho un gruppo di giocatori bravi ad ascoltare e produrre sul campo ciò che si insegna loro. Hanno imparato a tasse sempre in partita. Cosa gli ho dato? Non solo consigli  tecnico-tattici, ma anche mentali e di cultura. Inoltre punto a far esprimere al meglio le loro qualità. Forse alcuni sono cresciuti, per altri ci vuole ancora un periodo di assestamento. Io ho cercato di dare loro fiducia e sicurezze che magari prima non avevano, a  partire dalla difesa. Il fatto è che  le gare durano sempre 90 minuti e oltre per questo  bisogna sempre svilupparle in una certa maniera per per farlo ci vuole carattere. A Bergamo l’abbiamo dimostrato“.
Proprio sulla gara contro i nerazzurri spiega che “l’Atalanta è stata sfortunata, ma io non posso ritenermi fortunato se ho vinto al 93′ con il Bologna dopo aver creato un’infinità di palle gol. Noi abbiamo sempre fatto gol su azione, che significa avere saggezza tattica. Chiaro che ci vuole anche un portiere importante. Ma noi siamo stati sfortunati con Cagliari e Bologna, e siamo stati fortunati con l’Atalanta. Anzi all’Udinese mancano dei punti“.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy