Dietro front Udinese. Niente ritiro e nessuna rivoluzione

Dietro front Udinese. Niente ritiro e nessuna rivoluzione

Formazione senza rivoluzioni: Kums dovrebbe rientrare al posto di Hallfredsson e Matos al posto di De Paul

Commenta per primo!

La squadra perde e sembra non aver voglia di giocare? La curva inizia a fischiare chiedendo spese migliori? Non importa: l’Udinese con i suoi gioielli continua a usare i guanti bianchi. Il ritiro inizialmente ventilato non si farà.

Evidentemente, come accadde a Empoli, il club ritiene maturi i giocatori o episodi queste sconfitte.  «Come a Firenze, la squadra si è spenta negli ultimi venti minuti dei due tempi e su questo dobbiamo lavorare. Dobbiamo capire bene cosa sta accadendo e trovare delle soluzioni, anche se va detto che le difficoltà erano state messe in preventivo». ha spiegato al Messaggero Veneto il ds Bonato.

Con la Lazio lanciata alla rincorsa Champions intanto mancheranno De Paul e Hallfredsson, ma non attendiamoci rivoluzioni. Delneri pare essere allenatore fedele ai suoi preferiti. Nulla di male, del resto cambiare modulo ancora non ha senso se non c’è fame. Ed è su questo che si lavorerà in settimana, per il resto Kums dovrebbe riprendere il suo posto davanti alla difesa e uno tra Matos e Perica in avanti, con il primo favorito.

E Balic? Da mezzala sembra che sia considerato ancora tropo ‘leggero’. Per cui a meno di un 4-2-3-1 (ma la formazione non cambierebbe) nessuna rivoluzione a Roma.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy