Giacomini: “Come si fa a non bocciare il mercato dell’Udinese?”

Giacomini: “Come si fa a non bocciare il mercato dell’Udinese?”

MIster Massimo Giacomini ospite fisso del lunedi sera di Telefriuli ha commentato il momento negativo della formazione di Delneri

di Massimo Liva

Ospite fisso del lunedi sera di Telefriuli mister Massimo Giacomini si è soffermato sul momento negativo dell’Udinese: “Il mercato che finisce il 31 agosto è fatto da chi non ama il calcio e pensa solo a certi interessi. Io come mercato avevo già bocciato quello prima di Lopez, dopo dico ‘Senza voto’ per un impeto di generosità. Penso abbiamo condiviso l’opinione della gente. Come si fa a non bocciare il mercato dell’Udinese” Riguardo alla partenza di Thereau dice: “Il problema era che gioca o Lasagna o Thereau. Il francese aveva un certo mercato, quindi è andato alla Fiorentina. I due non potevano giocare assieme, Thereau approfittava e Lasagna ci rimetteva. Thereau a 34 anni non poteva cambiare ruolo, solo uno come Di Natale poteva farlo”

In merito alle dichiarazioni del dg Collavino che criticava l’operato dello staff di Delneri mister Giacomini ha commentato: “Non esiste dare la colpa ai collaboratori di Delneri, vuol dire che il tecnico non li sa guidare. Sappiamo tutti che lui ha la responsabilità e se la prende fino in fondo”.

Walem ha notato cambiamenti ambientali: “L’identità è qualcosa di molto importante, i tifosi ci tengono. Il Chievo ha una identità con una difesa tutta italiana. Noi quando avevamo un gruppo di italiani, l’avevamo, dobbiamo fare attenzione anche a quello, non solo alla qualità. Le squadre del nostro livello fanno affidamento sugli italiani: sono tutti stupidi?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy