Giocatori sotto la curva. La Questura: “Nessun avallo: decisione dei giocatori”

Giocatori sotto la curva. La Questura: “Nessun avallo: decisione dei giocatori”

Il caso dei giocatori dell’Udinese sotto la curva porta a delle precisazioni da parte della Questura: “è stata un iniziativa della squadra”

1 Commento
Non c’è stato nessun avallo o mediazione della Questura per la decisione della squadra di andare sotto la curva al termine della partita; è stata un iniziativa della squadra”. Lo ha affermato oggi il Questore di Udine, Claudio Cracovia, facendo chiarezza sulle contestazioni di ieri dei tifosi dell’Udinese al termine della gara con la Roma e sul battibecco tra Danilo e gli ultras.
Ill Questore continua affermando che “il personale della questura in abiti civili presente nel campo – ha aggiunto Cracovia – si è limitato a controllare che la situazione non degenerasse. Non si sono registrati incidenti, come del resto per tutte le altre fasi della contestazione, sia prima che dopo la gara”, evidenziando inoltre l’impegno delle forze dell’ordine nell’assicurare il deflusso ordinato, pacifico e senza inconvenienti di quasi 4.000 tifosi ospiti giunti a Udine con pullman, vetture e treni.
Esclusi anche Daspo, visto che non si sono rilevate violazioni di campo. La Questura chiarisce anche che non c’è stato nessuno scavalcamento dei tifosi dagli spalti, nessun tentativo di invasione. “Esamineremo attentamente i filmati – ha concluso Cracovia – ma allo stato non ci sono elementi per l’adozione di alcun provvedimento nei confronti dei tifosi”.
1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. riso68 - 10 mesi fa

    Praticamente tutti i media nazionali hanno riportato la notizia affermando che la squadra è stata OBBLIGATA a recarsi sotto la curva per subire la gogna degli insulti.
    Addirittura si scomodano paragoni con episodi accaduti in altri stadi in cui i giocatori sono stati costretti all’umiliazione di togliersi la maglia in quanto ritenuti non degni di portarla.
    Nulla di vero.
    La Questura di Udine, non Pinco Pallino, smentisce tutto.
    La decisione di andare sotto la Curva Nord è stata presa dalla squadra, autonomamente, senza nessun “invito/ordine” da parte dei tifosi.
    I sostenitori della curva non hanno commesso nessuna violazione, nessun tentativo di invasione.
    I giocatori sono tornati negli spogliatoi vestiti, non senza maglia (ma questo già si vedeva nelle immagini …)
    Prima di dare le notizie a vanvera, sarebbe meglio verificarle.
    Giornalismo da 4 soldi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy