Guilherme: Questa stagione vogliamo riscattarci

Guilherme: Questa stagione vogliamo riscattarci

Commenta per primo!

E’ stato uno dei giocatori più discussi della passata stagione. Arrivato con grandi aspettative non ha risposto come molti avrebbero voluto. Giuilherme guarda però al futuro, a una annata che potrebbe significare rilancio suo e dell’Udinese. “Penso che ancora non ho giocato per come posso. Il primo anno è sempre difficile e il calcio italiano è diverso, posso ancora migliorare molto. Questa prima stagione è stata di adeguamento, ho giocato in maniera diversa anche più arretrata rispetto al solito”, ha affermato a Goal Brasil. “L’ambientamento è stato, comunque, facile. La città è piccola, i tifosi sono tranquilli, non sono uguali a quelli del Corinthians,  ad esempio. A Udine puoi andare in un centro commerciale tranquillo. Sul piano del gioco è stato difficile capire il modo di giocare italiano, il diverso posizionamento, la Lega e il Paese. Ma i brasiliani in squadra mi hanno aiutato molto sotto questo aspetto. Danilo, per esempio, mi ha aiutato moltissimo, ma anche Gabriel Sila e Allan sono stati importanti”. La vita a Udine, tranquilla, come per molti è l’ideale per fare calcio e vivere bene: “La città è piccola, ma ha molte cose da fare. Nei giorni normali mi alleno, poi cerco di andare spesso a cena fuori … Quando ho tempo libero giro l’Italia, vado a  Venezia a Milano, dove posso”. Dos+Santos+Guilherme+Juventus+FC+v+Udinese+VIlXKthT50ClSul campo, la differenza ,maggiore tra il calcio italiano e quello brasiliano sta nel fatto che “qui ci sono più giocatori di qualità che in Brasile. Tutta la squadra è più completa. Il gioco è decisamente più organizzato. In Brasile si fa più palleggio, in Italia è molto più tattico. E’ come una macchina, è molto più tattico. L’Italia ha molte buone squadre, anche quelle che non combattono per il titolo sono ottime compagini. Ma il calcio brasiliano è più bello, c’è solo bisogno di evolvere alcune cose”. Impossibile per un brasiliano a Udine non parlare di Zico: “Quando si arriva all’Udinese tutti parlano di Zico. La gente lo ama, ovunque ci sono foto e bandiere che lo ricordano. Spero di scrivere una bella storia anche io per essere ricordato un giorno all’Udinese”. Dal passato al presente, cercando di spiegare la scorsa annata, balorda: “Non so spiegarla a dire il vero – afferma -. Abbiamo lavorato e provato di tutto. Siamo partiti molto bene, ma gli avversari hanno iniziato a studiarci, così tutto è diventato più difficile. Abbiamo anche perso giocatori importanti per infortunio. . Nella prossima stagione vogliamo fare un grande campionato, meglio di quest’ultimo. Abbiamo lavorato duramente l’anno scorso, ora però guardiamo al prossimo torneo. Stankovic mi ha insegnato molto. Sono molto felice di aver lavorato con lui, Mi è stato utile come insegnante, specie per la marcatura, che non è il mio punto di forza”. [pullquote]…Spero di scrivere una bella storia anche io per essere ricordato un giorno all’Udinese”[/pullquote]L’Udinese sta, intanto, per perdere Allan: “La scorsa stagione si è distinto nel centrocampo dell’Udinese. Il mio rapporto con lui è molto buono. E ‘un grande amico.  Voglio il meglio per lui e lui sa che cosa sia il meglio. Se lascia il club, io sono pronto per avere più responsabilità. Sono abituato alle responsabilità col Corinthians”. Da Allan a Bruno Fernandes: “E’ molto giovane, ha solo 20 anni, ma ha già qualità importanti. Lui è brasiliano, non è portoghese! Si tratta di un ragazzo di sensazionale, ha il potenziale per giocare in grandi squadre di qualsiasi paese. La qualità che ha con la palla per i passaggi o un dribbling, per creare spazi è impressionante”. Impossibile non parlare di Di Natale: “E ‘un grande piacere giocare con lui. E’ un atleta e un professionista eccezionale, oltre che una brava persona. Non per niente è uno dei più grandi marcatori della Serie A. Giocare con lui è una storia che dovrò raccontare ai miei figli e nipoti. Penso che migliorerà ulteriormente con il tempo. Alcune persone invecchiano nel corpo, ma col tempo diventano solo più di qualità ed esperienza. E’ un amico ci mette sempre concentrazione, ama stare  dalla nostra parte. Ho imparato molte cose da lui”. Infine Guilherme e il mercato: “Non sono stato a conoscenza di nessuna trattativa per me. Tengo all’Udinese e sono concentrato sulla squadra”.      

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy