In Coppa Italia una Maxi Udinese, ora a Crotone vietato fallire

In Coppa Italia una Maxi Udinese, ora a Crotone vietato fallire

Udinese di Oddo promossa in Coppa Italia ma difesa da rivedere. A Crotone un vero e proprio esame di maturità per i bianconeri chiamati a confermare i progressi mostrati con l’arrivo del nuovo tecnico

di Massimo Liva

Contro il Perugia in Coppa Italia l’Udinese di Oddo ha voluto strafare, otto reti da parte dei bianconeri tutte in una sola gara rappresentano un evento da segnare sul calendario anche se non è mancato qualche aspetto negativo come ad esempio una difesa da rivedere, vulnerabile e disattenta in più di una circostanza contro un avversario di certo non irresistibile.

In ogni caso l’impronta del nuovo tecnico comincia a vedersi, la squadra sembra rinata, tutti i giocatori chiamati in causa da Oddo danno il massimo per mettersi in mostra e guadagnarsi la fiducia del nuovo tecnico, c’è un ritrovato entusiasmo un po’ in tutto l’ambiente che rende particolarmente ottimisti per i prossimi impegni. Realizzare otto reti in una sola gara non è impresa facile anche se l’avversario è di una categoria inferiore, il fatto di esserci riusciti superando il turno con questo netto distacco nel punteggio è molto positivo e fa capire che la strada intrapresa da mister Oddo è quella giusta.

Già contro il Napoli nonostante la sconfitta si erano visti dei miglioramenti da parte di tutto il collettivo bianconero, il fatto che poi il nuovo tecnico abbia ridato spazio a qualche elemento finora poco utilizzato (Balic ad esempio) fa capire l’intenzione di valutare bene tutti gli elementi della rosa per cercare di dare una chance a chi la merita di settimana in settimana. Maxi Lopez con il Perugia ha realizzato uno storico poker che ricorderà a lungo, ha dimostrato di non essere proprio cosi arrugginito come qualcuno pensava e l’argentino si candida ad un posto da titolare per la difficile e fondamentale trasferta di Crotone.

Lunedi sera sarà fondamentale per i bianconeri non perdere e cercare allo stesso tempo di confermare i segnali di crescita mostrati dal momento in cui Oddo ha preso in mano il timone bianconero. L’Udinese di Oddo già piace per mentalità e atteggiamento, il bel gioco può arrivare ma servono lavoro e pazienza, al momento è fondamentale accumulare punti in classifica e autostima, l’operato del nuovo tecnico va in questa direzione. Lo scetticismo iniziale nei confronti di Oddo a causa dell’inesperienza su una panchina di serie A, piano piano sta svanendo, anche se le prossime due gare rappresentano un vero e proprio esame di maturità per lui e per la sua Udinese. A Crotone non si può fallire, ora l’Udinese ha voglia di giocarsela con coraggio e entusiasmo cosa che da un po’ di tempo a questa parte sembrava non accadere.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy