Karnezis: chiudiamo la porta

Karnezis: chiudiamo la porta

A due giorni dal big-match contro la capolista Inter, il portiere dell’Udinese indica la chiave per evitare il secondo stop consecutivo: “Non dobbiamo farli segnare, hanno molti elementi di qualità, sanno essere sempre pericolosi”. E i piccoli dell’Academy lo ascoltano incantati.

Dai più piccoli la forza per piegare l’Inter. Nel tardo pomeriggio di oggi i bambini delle squadre targate Udinese Academy hanno potuto abbracciare alcuni dei loro beniamini durante l’inaugurazione del corner Hs Football all’interno del MegaInterSport del centro commerciale Arteni di Tavagnacco. Orestis Karnezis, Felipe, Silvan Widmer e il friulanissimo Alex Meret sono stati accolti da una folla festante in “miniatura” con un unico interrogativo comune: “Riuscirete a battere l’Inter?”. Difficile rispondere, certo, ma in qualche modo ci ha provato Karnezis.

Sono molto contento di trovarmi in mezzo ai bambini – l’incipit del portiere greco -, speriamo di ripagare questo loro entusiasmo con una buona partita sabato. I ragazzi ci danno una forza in più per affrontare la stagione. Con loro è una cosa unica, sono spontanei, dicono sempre quello che pensano. L’Inter? Sabato vincerà chi segna, dovremo fare in modo di non farli segnare. La loro forza è data dalla qualità dei loro giocatori che sanno essere sempre pericolosi, hanno campioni di alto livello davanti”. Poi Karnezis aggiunge: “Dobbiamo essere compatti dietro, dovremo stare attenti per 93 minuti, 90 non bastano, anche una sola occasione ti può castigare. Questo non deve escludere, però, di essere aggressivi. E di fare il nostro calcio. Ma ripeto, ci vorrà tanta attenzione. Nelle ultime tre partite in casa non abbiamo subito gol? Speriamo che sabato sia la quarta…“.

Anche Felipe, che sabato assieme a Danilo sarà indisponibile per squalifica, ha parlato della sua ex squadra: “L’Inter è un’ottima squadra, stanno bene e giocano bene. Sono compatti e hanno un preciso sistema di gioco. Per noi sará dura, temo che la partita migliore non basterà. Dobbiamo essere molto attenti. Consigli da ex non ne ho dati, è un gara che si prepara da sola. Speriamo di poter fare un regalo di Natale ai nostri tifosi, visto che sarà l’ultima gara in casa prima della sosta. Con questo stadio sentiamo ancora di più la loro vicinanza e il loro entusiasmo…“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy