La moviola di Udinese-Lazio: Celi non demerita

La moviola di Udinese-Lazio: Celi non demerita

La moviola di Udinese-Lezio è piena di episodi: visto annullare il gol a Kuzmanovic, sacrosanto il rosso a Danilo, così come giuste sono state le decisioni per la Lazio. Non è stato facile gestire una partita bollente e non per colpa del direttore di gara.

Commenta per primo!

ARBITRO CELI VOTO 6

Non era una gara facile, la tensione si respirava: sia Udinese sia Lazio volevano portare a casa punti e alla prima scintilla è rischiato di esplodere tutto. E’ stata il gol annullato a Kuzmanovic a scatenare gli animi: giusto cancello anche se la segnalazione arriva in ritardo perché probabilmente l’assistente Manganelli chiede conferma all’arbitro sul tocco che smarca Edenilson (è di Kuzmanovic), decisivo per l’offside.
Sui cartellini nulla da eccepire:  Thereau, prende il giallo per proteste e poi rischia il secondo anche per le continue spinte e i gesti minacciosi al compagno Badu (da sanzionare per il regolamento).


Sacrosanto il rosso a Danilo, mentre nella ripresa Matri prima segna a gioco fermo  e poi si vede annullare giustamente una rete per la spinta a Piris. Nel finale rosso diretto a Matri per probabili insulti a Manganelli.
Sulla rissa tra dirigenti sarà compito del quarto uomo raccontare così accaduto.
Comunque sia Celi se la cava, la partita era obiettivamente difficile.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy