La Nord dell’Udinese: la Friulanità non ha categoria, non ha risultati

La Nord dell’Udinese: la Friulanità non ha categoria, non ha risultati

Udinese-Torino 1-5, ma la Curva Nord ostenta un tifo e una passione che non hanno né risultati né categoria. La passione friulana ci sarà sempre e questo è un messaggio anche al club

La Curva Nord dell’Udinese è la vera vincitrice dopo la gara col Torino. I granata in campo hanno umiliato i bianconeri vincendo 5-1, in altri stadi sarebbe stato un risultato che avrebbe ammutolito tutto, o ancora peggio avrebbe scatenato una reazione a dir poco verbale.

A Udine no. La Nord ha fatto qualcosa di incredibile. Ha cantato per mezzora dopo il fischio finale, poi fuori dallo stadio e nei bar ancora canti e cori. Una risposta anche al club bianconero. Come dire, ‘Noi ci siamo e ci saremo sempre, ma voi cosa state facendo?‘. Un tifo che anche in Inghilterra invidierebbero. Un tifo degno dello Stadio Friuli, impianto che non è degno di certi spettacoli in campo, invece. «L’Udinese siamo noi, non ci meritate», il significato vero da leggere tra le righe di uno spettacolo unico.

Anche quando la Curva si è messa di schiena (forse per non essere obbligati a guardare uno spettacolo tanto orrido in campo), non ha mai smesso di cantare. E mentre sui licei cittadini vengono esposti striscioni che chiedono ai ragazzi di tifare bianconero, quello della propria città, emerge che l’Udinese è più che mai simbolo. La proprietà, i giocatori, gli allenatori vanno, l’unica bandiera quella che rappresenta una terra rimane.

La Friulanità non ha categoria, non ha risultati: è un simbolo da ostentare sempre, e quanto accaduto ne è la dimostrazione. Anche nel pre partita una coreografia da brividi, ricordando il terremoto, simbolo di morte e rinascita, com’è la storia di questa landa fiera della sua autonomia e delle sue origini.

Udinese Calcio v Torino FC - Serie A

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy