La scuola portieri dell’Udinese spiegata da Alex Brunner

La scuola portieri dell’Udinese spiegata da Alex Brunner

Per i portieri dell’Udinese è tempo di soddisfazioni. I segreti della preparazione raccontati da Alex Brunner

Commenta per primo!

Meret in nazionale U21 al pari di buffet, Perisan che firma il contratto fino al 2020 con l’Udinese, Karenzis sempre tra i migliori numeri uno della massima serie. Per la scuola portieri friulana è una bella soddisfazione e il merito va ai preparatori. Alex Brunner a Tuttosport spiega i segreti della preparazione: : «Sono importanti tutti gli aspetti tecnici ma la testa non è da scartare. Approcciarsi alla palla e i tuffi sono fondamentali. Va corretta l’aggressione della palla, mi piace che il portiere vada avanti con braccia e testa e non con le gambe come fanno all’esteroUno dei motivi per cui voglio che i portieri aggrediscano in uscita è che si copre un maggiore spazio e ci si dà una spinta maggiore. Quelli dell’Udinese sono bravi da questo punto di vista. In porta servono gerarchie, anche se sono alla pari al titolare vanno date 5-6 gare per trovare continuità».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy